Andrea Piazzolla, prima di diventare tuttofare dell'attrice Gina Lollobrigida e amministratore di svariate società, era il semplice amico del figlio di una collaboratrice della star. Il ventinovenne inizia a frequentare la casa della diva e a soddisfare ogni sua capriccio, fino a conquistare la sua fiducia, esaltando le sue qualità artistiche, come riportato da 'Il Messaggero'. Ben presto Andrea diventa insostituibile per Gina, al punto che la diva inizia ad allontanare il proprio figlio e il nipote. Da lì la scalata di Piazzolla che diventa anche amministratore unico delle aziende e di tutto il patrimonio dell'attrice.

Pubblicità

Il suo tenore di vita cambia, per cui si concede vacanze di lusso assieme alla fidanzata e acquista decine di fuoriserie, dalla Ferrari alla Mercedes. Insomma, da tuttofare al potere più completo. L'uomo pubblica anche tutto sui Social, attirando l'attenzione su di sè e una denuncia alla Procura di Roma, partita dai familiari dell'attrice.

Pubblicità

La Lollobrigida affetta da un disturbo della personalità?

Il reato che si configura in tal caso è quello di circonvenzione di incapace. Secondo gli esperti, infatti, #gina lollobrigida sarebbe affetta da un disturbo della personalità che sfocerebbe nel divismo e nell'egocentrismo con una paura patologica di essere ingannata, cosa che le avrebbe fatto riporre tutta la sua fiducia in Piazzolla. In poche parole, la diva si lancerebbe alla ricerca di una figura di riferimento a cui affidare la gestione del suo patrimonio perchè preda della suddetta paura.

Pubblicità

Si è venuto a creare dunque un rapporto di sudditanza psicologica nei confronti del suo tuttofare. C'è anche da dire che la Lollo è stata isolata dalla sua famiglia, poichè proprio Piazzolla ha filtrato tutte le chiamate ricevute dalla donna e ha impedito a parenti e amici di farle visita. Insomma, è davvero una brutta situazione quella in cui versa Gina, anche perchè il suo patrimonio, frutto di una brillante carriera, è stato sperperato dall'unica persone di cui lei si fidava ciecamente.