Sono state depositate del gup del tribunale di Pisa le motivazioni della sentenza a venti anni di carcere per Antonio Logli, accusato di omicidio volontario e occultamento di cadavere della moglie #Roberta Ragusa, scomparsa dalla sua casa di Gello di San Giuliano Terme, nel Pisano, la notte tra il 13 e il 14 gennaio del 2012. "Antonio Logli è un bugiardo", ha scritto nelle motivazioni della sentenza il gup Elsa Iaderasta, che ha condannato nei mesi scorsi il marito di Roberta Ragusa a margine del processo celebrato col rito abbreviato..

Pubblicità

Pubblicità

Caso Roberta Ragusa, il giudice Iaderasta: 'Logli tentò di mistificare realtà'

Secondo il giudice dell'udienza preliminare nel corso delle indagini l'uomo accusato del delitto e dell'occultamento del cadavere della moglie, "ha reiteratamente e pervicacemente tentato di mistificare la realtà", si legge in uno stralcio delle motivazioni della sentenza di primo grado, secondo quanto riporta l'Ansa. Il marito della donna scomparsa cinque anni fa da San Giuliano Terme e mai più ritrovata avrebbe in più circostanze fornito agli inquirenti che hanno indagato sul delitto "una versione degli accadimenti non corrispondente al vero e spesso - viene sottolineato nelle motivazioni della sentenza di condanna a 20 anni di reclusione - smentita dagli esiti investigativi".

Depositate dal gup le motivazioni della sentenza di condanna a venti anni

La condanna di Logli è arrivata lo scorso 23 dicembre, per effetto del giudizio abbreviato l'uomo ha potuto beneficiare dello sconto di un terzo della pena determinato in venti anni di carcere. I capi di imputazione sono quelli di omicidio volontario e distruzione del cadavere della moglie, ma il gup non ha accolto la richiesta di misure cautelari in carcere avanzata dalla procura della Repubblica di Pisa.

Pubblicità

Per Logli le misure cautelari disposte sono quelle quella dell'obbligo di dimora e del divieto di espatrio. Il cadavere di Roberta Ragusa non è stato ancora ritrovato, nelle scorse settimane dopo alcune segnalazioni sono riprese le ricerche in alcuni laghi del Pisano, ricerche che però non hanno ancora prodotto nessun risultato. #Cronaca #Cronaca Firenze