Dopo gli attentati terroristici che hanno sconvolto Nizza, Berlino e la capitale svedese Stoccolma mediante mezzi pesanti scagliati contro la folla a gran velocità, una società inglese specializzata in sistemi di sicurezza ha realizzato una barriera chiamata Ht2 Matador composta da colonnine spartitraffico capaci di resistere all'urto di un camion da 7,2 tonnellate lanciato a ben sessanta chilometri orari.

Pubblicità

Lo spartitraffico a prova di mezzo pesante

Le colonnine realizzate dalla Heald all'apparenza sono molto simili a quelle usate frequentemente per delimitare zone a traffico limitato o l'accesso ad aree riservate, ma a contraddistinguerle il fatto che sono in grado di resistere senza all'eventuale impatto di un mezzo pesante, offrendo dunque la possibilità di scongiurare stragi come quella di Nizza, costata la vita a decine di persone.

Pubblicità

Stando a quanto reso noto dalla società il dispositivo è già stato installato intorno ad alcuni edifici pubblici della capitale greca Atene e nelle pertinenze di alcune raffinerie di petrolio.

Il crash test

Per dimostrare l'assoluta efficacia del sistema Ht2 Matador l'azienda ha sottoposto la barriera ad un realistico crash test, lanciando contro di essa un camion di oltre sette tonnellate lanciato a ben 60km/h. Nel video della prova, che vi proponiamo di seguito, si vede come le barriere spartitraffico - che possono essere aperte mediante un comando a distanza come quelle classiche - resistono all'urto senza spostarsi di un solo centimetro, distruggendo il camion, la cui motrice si stacca dal rimorchio sbriciolandosi sul terreno.

La paura di attacchi alla guida di camion

Dopo gli ultimi attacchi realizzati scagliando contro la folla dei mezzi pesanti in Europa è cresciuta la paura per questo tipo di attacchi, che a differenza di altri atti terroristici, non richiedono di grande preparazione e possono essere compiuti anche da un singolo "cane sciolto" con un elevato grado di imprevedibilità.

Pubblicità

Per compiere questo tipo di attacchi è sufficiente impadronirsi di un mezzo pesante, niente che richieda abilità particolari, ma come ha tristemente dimostrato il caso francese se perpetrati in luoghi affollati possono provocare decine di vittime.

Durante il periodo delle festività natalizie e anche in altre occasioni dove si vengono a creare assembramenti di persone diverse città italiane ed europee hanno iniziato a disporre barriere di sicurezza, utilizzando gli spartitraffico New Jersey o altri ostacoli che impedissero l'intrusione di mezzi pesanti nelle zone pedonali. #Nizza #terrorismo