Pasquetta tragica in una località australiana per la morte della 17enne Laeticia Brouwer. La ragazza faceva surf insieme al padre quando, d'un tratto, un grosso squalo l'ha attaccata e uccisa. Il padre ha fatto il possibile per salvare Laeticia ma ogni sforzo è stato vano. La disgrazia è avvenuta nelle acque di Esperance, località dello Stato del Western #australia. Uno squalo ha aggredito la 17enne mentre si stava divertendo in acqua col padre. Proprio quest'ultimo ha riportato la ragazza sulla spiaggia, facendo tutto il possibile per salvarla, ma le ferite erano molto gravi. Non c'è stato nulla da fare per la Brouwer.

La tristezza dei familiari di Laeticia Brouwer

Le acque antistanti gran parte delle coste australiane sono infestate dagli squali.

Pubblicità
Pubblicità

Forse lo sapeva anche la povera Laeticia ma l'amore per il surf glielo ha fatto dimenticare. La 17enne ha pagato a caro prezzo la sua passione. Secondo le ultime informazioni, lo squalo avrebbe staccato la gamba sinistra alla giovane e provocato lesioni su tutto il corpo. Laeticia è deceduta dopo il trasporto in ospedale. Lo zio della vittima, parlando a nome della famiglia, ha rivelato che tutti sono tristi per il drammatico incidente in acqua. L'uomo ha sottolineato che la 17enne è stata attaccata mentre svolgeva qualcosa che adorava. L'oceano era la sua passione. La Brouwer, a quanto pare, era solita fare surf con la sorella e il padre. Era una ragazza solare e corretta, che non mancherà solo ai parenti ma anche a tutti gli amici e conoscenti. Un portavoce della Polizia ha confermato che il padre ha dato il massimo per salvare la 17enne ma le ferite riportate erano letali.

Pubblicità

Australia: due avvistamenti di squali in una settimana

Un'altra vittima degli squali in Australia. Il sito Shark Smart ha reso noto recentemente che nella zona di Esperance c'erano stati due avvistamenti di squali nell'arco di una settimana. Martedì scorso, un grosso squalo bianco era stato avvistato a circa 150 metri dalla riva nei pressi di Two Mile Beach, a Hapetoun. Lo stesso squalo, successivamente, era stato visto in un'altra zona. Laeticia Brouwer ha perso la vita sulla stessa spiaggia dove, 3 anni fa, un surfista venne dilaniato da uno squalo. Ovviamente, dopo l'incursione dello squalo, è stata proibita la balneazione della zona. All'uomo vennero staccati il braccio sinistro e la mano destra. Nel 2016, nelle acque antistanti le coste dello Western Australia si sono registrati 2 attacchi mortali: sia una 60enne che un 29enne vennero uccisi a Perth. #Esteri