Un ex calciatore professionista, Joey Hutchinson, è rimasto paralizzato dal torace in giù dopo un terribile incidente in piscina, a Ibiza. Per l'uomo è iniziato un nuovo percorso sulla sedia a rotelle. L'incidente infatti ha seriamente danneggiato il suo midollo spinale. Joey, padre di due figli, pian piano si sta adattando alla nuova condizione. I familiari hanno rivelato che sono rimasti impressionati dalla sua grande determinazione. L'ex calciatore rappresenta, dunque, un esempio di coraggio e ottimismo per tutti, anche per i parenti. Joey ha militato in diversi club britannici, tra cui il Birmingham City.

Pubblicità

Un tuffo in piscina e la vita cambia

Una vacanza a Ibiza è costata cara al 34enne Hutchinson. Un tuffo in piscina e la vita è cambiata in un attimo.

Pubblicità

Il suo midollo spinale ha riportato gravi lesioni e, per questo, ora è condannato a vivere su una sedia a rotelle. Non è facile vivere per Joey, che necessita di un'assistenza continuativa. Nonostante le tante difficoltà, l'ex calciatore è felice e positivo. Recentemente è stata creata una pagina JustGiving per raccogliere fondi necessari per sottoporre Joey a una cura con le cellule staminali. I parenti, gli amici e il mondo del calcio si stanno prodigando per permettere al 34enne di sottoporsi a un intervento che potrebbe farlo tornare a camminare. Certo, non sarà facile ma non bisogna demordere in questi casi. Il prossimo 6 maggio si svolgerà una partita di beneficenza presso lo stadio del Birmingham City. Il ricavato sarà devoluto ai parenti di Hutchinson. Il Birmigham City, team di cui faceva parte il 34enne, riuscì ad approdare in Premier League nel 2002.

I successi col Birmingham City

Joey è stato decisivo più volte per il Birmingham City, consentendo alla squadra di ottenere grandi successi; poi, nel 2003, approdò nel Darlington ma non 'brillò' molto per via di diversi infortuni al ginocchio.

Pubblicità

Sulla pagina JustGiving, il cognato dell'ex calciatore, Lee Savage, ha scritto che Joey, dopo l'incidente, ha iniziato un percorso riabilitativo mirato essenzialmente alla gestione del dolore e al potenziamento muscolare. Il 34enne starebbe anche cercando cure per il midollo spinale, con la speranza di tornare a camminare, un giorno. Savage ha aggiunto che i familiari e gli amici di Joey sono rimasti sorpresi dal modo in cui ha affrontato l'evento che, indubbiamente, ha stravolto la sua esistenza. L'atteggiamento fiducioso e la determinazione dell'ex sportivo hanno sconcertato tutti. #Cronaca #Esteri