Yue, una giovane cinese, non sapeva di essere incinta ma, un giorno, mentre si trovava in casa, aveva sentito un forte dolore all'addome e si era recata in bagno. Quel dolore era dovuto al suo 'stato interessante'. La donna, in men che non si dica, aveva dato alla luce una bimba ma, per la paura, l'aveva lasciata nel water. La piccola era rimasta incastrata nella tazza e, dopo il tempestivo intervento della Polizia, venne salvata. Ad allertare i poliziotti era stata la compagna di stanza di Yue. Sul web è stato diffuso un video che ritrae il salvataggio della neonata da parte degli agenti. La piccola e la madre sono state subito portate all'ospedale.

Pubblicità
Pubblicità

Il filmato del salvataggio della neonata

Credeva che avesse un mal di pancia invece stava partorendo. La giovane Yue è la protagonista di una storia incredibile proveniente dalla #Cina. La donna ignorava di essere incinta ma, un bel giorno, aveva sentito un forte dolore al ventre. Dopo essere entrata nella toilette aveva dato alla luce una splendida neonata che, però, era rimasta incastrata nella tazza. Il filmato diffuso online mostra i poliziotti che, con estrema attenzione, tirano fuori dal water la bimba. Poi la corsa all'ospedale. La neo mamma venne accompagnata in ospedale dalla compagna di stanza. Secondo le ultime informazioni, madre e figlia sono in buone salute ma dovranno restare ancora in ospedale per qualche giorno. Non è la prima volta che in Cina accade un episodio simile.

Pubblicità

Gemma Williamson, l'anno scorso, partorì inaspettatamente in bagno il suo bebè, Harvey Lee. Il piccolo nacque con un anticipo di sette settimane e finì nella tazza. Ad estrarlo, però, ci pensò la madre stessa. Non finisce qui. Tre anni fa, un neonato venne scoperto nel tubo di un dormitorio per studenti nello Shandong. Venne salvato dai vigili del fuoco.

La storia di Nikki Kelly

Casi di nascite improvvise e inaspettate non si sono registrati solo in Cina. La 26enne britannica Nikki Kelly, ad esempio, rimase stupita, due anni fa, quando diede alla luce un figlio. Non aveva mai immaginato di essere incinta anche perché non aveva mai avuto nausee, voglie o altri tipici sintomi della 'dolce attesa'. Nikki prendeva la pillola anticoncezionale e per questo scambiò le doglie con i tipici dolori mestruali. Quelle fitte, però, diventarono così forti da spingere la donna a restare a casa. Nikki ha rivelato che doveva andare in bagno spesso poco prima di partorire. Alla fine, tutto è andato per il verso giusto. #Cronaca