Era l'ultima persona in vita nata nell'Ottocento. Nella sua esistenza è stata testimone di due guerre mondiali; ha visto succedersi 3 re, 12 presidenti della Repubblica, 11 papi e tutti e 63 governi che l'Italia ha avuto dal 1943 a oggi.

Potere della longevità: nonna #Emma Morano, come era affettuosamente chiamata anche da chi non la conosceva, morta ieri a 117 anni e 137 giorni, era la donna più vecchia d'Italia e del mondo; la quinta persona più longeva di tutti i tempi. Viveva dove è sempre stata, nella sua casa di #Verbania sul lago Maggiore anche se negli ultimi anni era seguita da una badante e coccolata dalle nipoti.

Pubblicità
Pubblicità

Ha attraversato tre secoli quasi 'da ferma'

D'origine era piemontese. Era nata a Civasco in provincia di Vercelli il 29 novembre 1899, ed era la prima di 8 figli. Con la famiglia si spostarono a vivere a Pallanza, frazione di Verbania, sul Lago Maggiore dove ha sempre vissuto. La sua vita è stata contraddistinta da pochi eventi decisivi: a neanche 40 anni lasciò, in tempi in cui era la separazione era impensabile, il marito violento che la maltrattava quando il matrimonio andò in crisi dopo la morte prematura a soli sei mesi dell'unico figlio avuto. Poi il lavoro da operaia tessile in una fabbrica di juta fino al 1954; l'attività di cuoca nelle cucine del collegio Santa Maria fino al 1975, ben 42 anni fa quando è andata in pensione negli anni di Piombo. Ha sempre vissuto sul lago Maggiore; da 25 anni non usciva di casa; non era mai stata a Roma e ha visto il mare una sola volta.

Pubblicità

Ma le andava bene così.

Pure da quel piccolo angolo di mondo, quasi da 'ferma' è stata testimone di due guerre mondiali, ha visto tante persone essere inghiottite dalle atrocità dei conflitti, è riuscita a salvarsi e a sopravvivere a tanti capitoli della Storia degli ultimi tre secoli.

Dal 2 aprile 2013, Emma vantava il doppio primato di donna più anziana d'Italia e d'Europa e decana dell'Umanità. Ed è la sesta persona più longeva di tutti i tempi tra quelle di cui si hanno prove certe.La longevità è una dote comune nella sua famiglia: la mamma Matilde, di origine svizzera, è vissuta fino a 90 anni, e anche sua sorella Angela aveva superato i 100 anni. Per i suoi 117 anni le erano giunti gli auguri del presidente della Repubblica. Ora il primato passa alla giamaicana Violet Brown, nata il 10 marzo del 1900.

Uova e gianduiotti, tra i segreti di longevità di nonna Emma

Alcuni dei suoi segreti di longevità li raccontava lei stessa con grande disponibilità ogni volta che veniva intervistata in occasione dei compleanni.

Pubblicità

Uova e cioccolato, tra i suoi primi elisir di lunga vita, ma anche bere ogni tanto un bicchierino di grappa fatta in casa e non assumere farmaci. Lo ha confermato anche Carlo Bava che è stato il suo medico negli ultimi 27 anni. Bava ha raccontato che Emma, in controtendenza con i diktat alimentari, ha sempre mangiato poca frutta, poca verdura, tre uova al giorno, di cui due crude e una a frittatina e petto di pollo la sera.

Vita in campagna, alimentazione sana e carattere positivo, certo, ma uno dei suoi 'antiossidanti' pare sia stato anche tenersi alla larga da uomini e relazioni, essere stata sposata per breve tempo. Poi ha contato aver coltivato le sue passioni, il canto e il ballo, finché ha potuto. Anche il lago deve avere il suo perché in quanto a elisir di lunga vita: a Verbania vivono oggi 20 centenari e circa 2500 ultraottantenni. Certo ancora dei 'bambini' rispetto al traguardo di nonna Emma. #la donna più anziana del mondo