La pazzia del terrorismo ha seminato morte e terrore durante il concerto della teenager americana più amata dagli adolescenti di tutto il Mondo, Ariana Grande. Il numero di morti è salito a 22 e la vittima più giovane aveva solo 8 anni, ed era li con i familiari che l'avevano accontentata portandola al concerto del suo idolo.

Evacuato il centro commerciale

Subito dopo l'attentato, è stato evacuato il centro commerciale Arndale, adiacente al luogo del concerto. Oltre ai luoghi pubblici, anche l'aeroporto di Dubai è stato allarmato, a causa di un sospetto pacco bomba presente sul volo per Londra. Secondo la Premier Theresa May, il rischio di ulteriori attentati è ancora alto ed è per questo che è stato dichiarato lo stato di allerta e tutto il Regno Unito è pronto a difendersi al meglio.

Pubblicità
Pubblicità

La prima vittima dell'attentato di Manchester, Georgina Callander, è una sedicenne, grande fan di Ariana Grande, che il giorno precedente al concerto aveva pubblicato su Twitter tutto il suo entusiasmo per lo spettacolo della sua beniamina al #Manchester Arena. Secondo alcuni tabloid britannici, questo attacco terroristico è stato il peggiore dopo quello risalente al Luglio del 2005, quando furono piazzate quattro bombe da Al Qaeda su mezzi di trasporto pubblico, causando la morte di circa 60 persone.

Notizie sull'attentatore

I testimoni della strage hanno detto di aver visto un ordigno imbottito dioggetti metallici. Grazie alle dichiarazioni rilasciate dalla Premier May, la polizia ha indagato sull'attentatore, ma per motivi di privacy e di sicurezza, ha preferito non dare informazioni su quest'ultimo, ma molto probabilmente non dovrebbe aver agito con dei complici.

Pubblicità

Il quotidiano locale Manchester Evening News ha riportato i nomi di alcuni giovani che mancano all'appello, si tratta di molti ragazzi, sia di origini britanniche e sia di origini francesi, che erano giunti lì con viaggio organizzato per tale evento. Non risultano italiani coinvolti nell'attentato, ma è stato ovviamente convocato il Comitato Antiterrorismo, e si sono espressi anche il Presidente del Consiglio Gentiloni ed il segretario del PD Matteo Renzi. Anche da Roma, dove è giunto da poco con sua moglie Melania, il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha manifestato tutto il suo dolore e tutta la sua solidarietà per le famiglie delle vittime e per la Premier britannica Theresa May, rendendosi disponibile per qualsiasi incontro antiterrorismo.