Pubblicità
Pubblicità

Sta facendo il giro del mondo la storia di Lisa Theris, una studentessa di 25 anni che è riuscita a sopravvivere per ben 20 giorni vagando in un #Bosco di Midland, in Alabama, mentre la sua famiglia non sapeva dove si trovasse. Non riusciva a trovare una via d'uscita, ha camminato senza scarpe tra gli alberi ed i roghi, e per sopravvivere si è cibata con bacche e funghi selvatici, abbeverandosi in ruscelli e pozze d'acqua. Poi quando stava per perdere le speranze è riuscita ad avvicinarsi ad una strada, ed è stata notata da un automobilista. Si trovava tra i cespugli, con il corpo martoriato dai graffi e dalle punture di insetto, però in vita.

Pubblicità

La disavventura di Lisa

Prima di fare perdere le proprie tracce era insieme a due uomini, Manley Davis, 31 anni, e Randall Oswald, 36, che a sua insaputa avevano progettato di compiere una rapina in una rimessa di caccia. Quando è venuta a conoscenza del loro piano ha deciso di scappare, finendo per smarrirsi nei boschi. Sfortuna vuole che non abbia potuto portare con se la sua borsa con il telefono cellulare. Il piano criminale dei due uomini in seguito non è andato a buon fine, e i due sono stati arrestati dalla polizia, accusati di avere rubato merce per un valore di circa 40mila dollari. Ma su dove fosse finita la giovane non avevano notizie: l'avevano vista scappare e poi non avevano più saputo nulla.

Si è persa nel bosco

Lisa era scappata nel bosco, forse per la paura di eventuali ritorsioni [VIDEO] da parte dei due aspiranti rapinatori, e poco dopo si è perduta e non riusciva ad uscire dalla vegetazione.

Pubblicità

Lo sceriffo Raymond Rodgers ha spiegato che non conoscendo la zona è finita per girare in tondo nello stessa zona per molto tempo. Poi la svolta: è riuscita ad avvicinarsi all'autostrada e una donna l'ha avvistata sul ciglio della strada. Ha capito che si trattava della ragazza smarrita e si è fermata per chiamare l'ufficio dello sceriffo e dirgli del ritrovamento.

Per ricostruire con precisione la dinamica dei fatti la polizia deve attendere che la ragazza, ovviamente molto provata da questa esperienza che le ha fatto perdere ben 22 kg in 20 giorni, si ristabilisca. Dopo essere stata visitata e assistita all'ospedale Lisa ha fatto ritorno a casa, accolta dalla propria famiglia. "Ci riteniamo fortunati che sia ancora viva, non si è mai arresa" ha dichiarato ai giornalisti la sorella. Per il fratello invece è già sulla via della guarigione: "scherza e sorride come sempre". #Esteri