Orrore nell'ex #orfanotrofio della Scozia gestito da #suore cattoliche, sono stati ritrovati 400 corpi di neonati e bambini in una fossa comune nei pressi del Smyllum Park. Il tutto è stato scoperto dopo l'indagine shock del programma "File on Four".

400 cadaveri

I 400 resti umani ritrovati nella fossa comune vicino all'ex orfanotrofio Smyllum Park appartengono a bambini e neonati uccisi per cause ancora non note alla polizia [VIDEO], ma sicuramente la responsabilità di tutte queste morti è delle suore cattoliche che gestivano il posto. Il fatto è emerso grazie ad un indagine avvenuta per conto del programma "File on Four" del Sunday Post e di Bbc radio 4 che ha raccontato la morte dei piccoli avvenuta probabilmente tra gli anni 1864 e 1981, anno di chiusura definitiva dell'orfanotrofio degli orrori.

Pubblicità
Pubblicità

Le suore cattoliche che gestivano il Smyllum Park facevano parte delle Sorelle della carità di Vincent de Paul e avevano ricevuto il compito di badare ad oltre 10.000 persone. In quegli anni e moltissime persone che lavoravano all'interno della struttura, avevano confessato alle autorità di aver visto le suore trattare molto male i bambini all'interno ella struttura.

Ne avevano confessati 158

Da tempo la polizia scozzese avanzava ipotesi che la cifra dichiarata dalle suore di 158 bambini sepolti nelle vicinanze dell'orfanotrofio, potesse essere molto più grande ed infatti, a distanza di anni si è scoperta tutta la verità. I dubbi erano soprattutto fondati sul fatto che le lapidi delle suore e del personale di servizio erano ben visibili e che nessun indizio però, indicasse la posizione delle tombe dei neonati e dei bambini e inoltre, non era presente alcuna registrazione nei libri della struttura.

Pubblicità

Jack McConnel, l'ex primo ministro scozzese, si era preso l'impegno di poter far luce sulla vicenda appena scoperto il fatto e aveva dichiarato "È straziante scoprire che tantissimi bambini sono stati sepolti qui senza nemmeno un nome". Una vicenda questa, che ricorda quella di un altro orfanotrofio cattolico in Irlanda nella città di Tuam, dove lo scorso anno emerse la notizia che erano stati seppelliti 800 bambini in una fossa comune; la vicenda emerse con le indagini di uno storico, Catherine Corless, che scoprì i primi cadaveri e grazie anche all'ammissione di colpa della chiesa irlandese potè proseguire con le investigazioni. Anni dopo, si scoprì che le persone che abitavano in queste strutture, avevano sofferto fame, maltrattamenti e miseria. #bambini e neonati