Pubblicità
Pubblicità

Nei futuri sviluppi della crisi coreana [VIDEO] c'è un appuntamento fondamentale. Nessuno è in grado di prevedere ciò che accadrà in estremo oriente, ma ad ogni modo potrebbe avere un'importanza fondamentale il viaggio di #Donald Trump che il mese prossimo visiterà Cina, Giappone, Corea del Sud, Vietnam e Filippine. La data certamente più importante, però, è quella dell'8 novembre in cui il presidente degli Stati Uniti sarà a Pechino ed incontrerà il leader Xi Jinping. "Nel corso del bilaterale, il presidente discuterà della #corea del nord e dell'aumento della pressione sul regime nordcoreano", ha puntualizzato un funzionario della Casa Bianca.

Pubblicità

Non è dato sapere, per il momento, se questa rinnovata pressione contempla la proposta per un rafforzamento delle sanzioni, ma ad ogni modo sarà occasione per le due superpotenze direttamente coinvolte nella questione per esporre i rispettivi punti di vista. Non bisogna infatti dimenticare che, pur avendo sottoscritto le sanzioni ONU contro Pyongyang, la Cina resta un vecchio alleato militare ed economico della Corea del Nord nonostante i rapporti tra i due Paesi, da quando Kim Jong-un e Xi Jinping guidano i rispettivi governi [VIDEO], siano davvero ai minimi storici.

Pechino: 'Commercio con Pyongyang in linea con risoluzione ONU'

Intanto, da Pechino il ministero degli #Esteri ha puntualizzato che gli attuali rapporti commerciali con la Corea del Nord si svolgono nel pieno rispetto con quanto concordato nella recente risoluzione delle Nazioni Unite che ha deciso, su richiesta degli Stati Uniti accolta dagli altri membri del Consiglio di sicurezza, di inasprire le sanzioni.

Pubblicità

"La Cina sta attuando in modo rigoroso la risoluzione ONU - ha sottolineato il portavoce della diplomazia di Pechino, Geng Shuang - e le decisioni pertinenti non dovrebbero avere un impatto negativo sulle esigenze di vita del popolo nordcoreano". In base agli ultimi dati doganali, l'export cinese verso la Corea del Nord aveva subito un incremento di oltre il 31 per cento, mentre le importazioni sono calate del 9,5. I dati si riferiscono al mese di agosto di quest'anno.