Una storia di violenza urbana, una brutale #aggressione. Due romeni, un uomo e una donna rispettivamente di 40 e 44 anni, sono stati arrestati dagli agenti della polizia del commissariato di Primavalle di Roma, con l'accusa di rapina aggravata e lesioni gravissime. Entrambi con precedenti penali alle spalle per reati specifici, avrebbero aggredito selvaggiamente un cittadino del Bangladesh per rubargli il cellulare. Il ragazzo, in seguito alle #violenze subite, è stato ricoverato al policlinico Gemelli della capitale, dove versa in gravi condizioni, rischiando anche di restare paralizzato.

La vicenda

La violenta aggressione è avvenuta la notte scorsa in una zona periferica della capitale, presso la fermata dell'autobus a Primavalle.

Pubblicità
Pubblicità

Il giovane era in attesa del mezzo pubblico che lo avrebbe condotto probabilmente a casa di lì a poco. Mentre il giovane stava aspettando il pullman, è stato avvicinato da un uomo e una donna di nazionalità romena, i quali lo hanno brutalmente aggredito e picchiato per rubargli il cellulare. Il ragazzo è stato dapprima colpito con una bottigliata alla nuca e poi, quando è stramazzato al suolo, è stato raggiunto da copiosi e violenti calci e pugni [VIDEO].

I due "carnefici" si sono allontanati velocemente dal luogo del reato, facendo perdere le loro tracce. Il giovane extracomunitario è stato ricoverato d'urgenza presso l'#Ospedale policlinico Gemelli di Roma. In seguito all'inaudita ferocia dei suoi aguzzini, la vittima ha riportato lesioni gravi, ed ora rischia la paralisi definitiva degli arti.

Pubblicità

Le indagini della polizia

Gli agenti del commissariato di Primavalle hanno fatto scattare immediatamente le indagini. Grazie alle testimonianze raccolte nei pressi del luogo in cui si è verificata l'aggressione, sono riusciti a rintracciare quasi subito i presunti responsabili della terribile vicenda. Al momento, infatti, sono state arrestate due persone di origine romena, D.I. di 40 anni e B.E. di 44, fermati nei pressi di via della Pineta Sacchetti. Entrambi risultano senza fissa dimora e avrebbero diversi problemi di alcolismo alle spalle. Inoltre erano già noti alle forze dell'ordine per reati specifici.

I due presunti aggressori, al momento sono accusati formalmente dei reati di rapina aggravata e lesioni gravissime cagionate con implacabile ferocia nei confronti del cittadino del Bangladesh che versa in precarie condizioni di salute.