Pubblicità
Pubblicità

Nelle settimane passate, la vertenza #ryanair aveva provocato disagi a molti viaggiatori italiani, tanto che il caso assunse proporzioni nazionali. La compagnia aerea irlandese è famosa per i suoi voli low cost. Un biglietto può arrivare a costare anche meno di 10,00 euro, con destinazione europea. In tanti continuano a domandarsi in che modo la compagnia riesca a mantenere i prezzi dei biglietti così bassi ed una prima risposta è arrivata indirettamente dalla rivoluzione apportata in tempi recenti in fase di prenotazione. Se, ad esempio, si vuole stare accanto ad una persona in particolare, si deve pagare un costo aggiuntivo, che va a sommarsi al prezzo pagato per l'acquisto dei biglietti.

Pubblicità

Ma c'è dell'altro.

Il servizio su Ryanair a Le Iene

Le dichiarazioni si riferiscono ad un video mandato in onda nella puntata de Le Iene di domenica 12 novembre. L'inviato della trasmissione di Italia Uno, Luigi Pelazza, ha intervistato Franco, un assistente di volo Ryanair. L'uomo ha dichiarato quanto segue: "Dobbiamo vendere un certo numero di prodotti, dobbiamo raggiungere un target per passeggero". Il target, secondo quanto sostenuto dall'uomo intervistato, corrisponde ad un valore di 1 euro a passeggero. Ad esempio, se durante un volo due passeggeri acquistano ciascuno un profumo, pagando complessivamente 80 euro, il target di cui si parla verrebbe raggiunto con discreta facilità.

L'inviato de Le Iene domanda all'assistente di volo cosa succeda nel caso il target non dovesse essere raggiunto.

Pubblicità

Questa la risposta: "So di miei colleghi che sono stati minacciati di essere trasferiti in altre basi. Altri colleghi - prosegue Franco - hanno acquistato prodotti di tasca loro, per cercare di raggiungere l'obiettivo". A chi si chiede in che modo Ryanair possa monitorare quanto succeda durante un volo #Aereo, ecco cosa risponde l'intervistato: "Loro possono benissimo monitorare chi è che rende di più, chi è che rende di meno". A tale affermazione, Pelazza arriva ad affermare che la compagnia farebbe pressioni sul personale. La replica di Franco è affermativa: "Esattamente. Viene fatto un lavaggio del cervello, la cosa principale per loro è la vendita".

La precisione di Enac sulla politica aziendale di Ryanair

In risposta al servizio de Le Iene su Ryanair, circa le condizioni contrattuali del personale di volo [VIDEO], che lavora tramite partita Iva, senza dunque alcuna garanzia, né ferie pagate o previdenza sociale, è arrivata a stretto giro di posta la replica dell'Enac. L'ente nazionale per l'aviazione civile ha sottolineato come l'Italia sia stato il primo Paese a denunciare la necessità di rivedere le condizioni contrattuali del personale delle varie compagnie aeree, inclusa Ryanair, assicurando inoltre sulla sicurezza dei voli del vettore irlandese.