Triste storia per un uomo di 34 anni residente a Piazza Armerina, vittima di una spasimante che per anni ha infierito su di lui con pedinamenti ed aggressioni fisiche, costringendo più volte il malcapitato a rivolgersi alle cure dell'ospedale Chiello del comune siciliano. Una nuova vittima di #Stalking, dunque, che riapre il dibattito sull'efficacia delle norme legislative [VIDEO]sul tema, considerate ancora oggi carenti e lacunose.

Due anni di molestie subite

La vicenda ha dell'incredibile. Le molestie sono andate avanti per due anni, un periodo lungo e difficile per il giovane siciliano, vittima di una ragazza di circa 10 anni più piccola che si era invaghita di lui.

I due si erano conosciuti tramite amici in comune. Dopo un primo corteggiamento, la ragazza si era fatta sempre più insistente, arrivando addirittura a ricoprirlo di insulti verbali per strada, seguiti da pedinamenti, inseguimenti e vere e proprie aggressioni, una delle quali aveva anche costretto l'uomo a recarsi in ospedale. A nulla erano servite le denunce sporte nei confronti della giovane che, incurante della situazione, era andata avanti con le sue persecuzioni aggressive.

Preso a morsi

Uno degli episodi più cruenti si è verificato in strada, quando la giovane di 26 anni ha bloccato l'auto del malcapitato, sfondando il finestrino con forza e prendendo a morsi il braccio dell'uomo, la cui unica "colpa" è stata quella di non aver mai corrisposto i segnali di simpatia manifestati dalla ragazza.

A maggio 2016, alla giovane era stato intimato un primo divieto di avvicinamento al 34enne, dopo essere stata fermata dalla polizia durante un'aggressione in piazza ai danni dell'uomo.

Il divieto era scaduto l'estate scorsa, e la giovane non ha perso tempo per vendicarsi. Così, pochi giorni fa, ha seguito ed aggredito la vittima in macchina: per lei è scattato subito l'#arresto, e al momento si trova ai domiciliari.

Lo stalking in numeri

Una ricerca effettuata in Inghilterra, rivela che nel 90% dei casi di stalking, la vittima ed il suo persecutore si conoscono bene [VIDEO]per via di amicizie in comune o rapporti di lavoro.

Più di un terzo dei casi è legato ad amori finiti male. Dal 2009, in Italia l'84% delle vittime è di sesso femminile e riguarda una fascia d'età compresa tra i 25 e i 34 anni. Gli episodi di stalking nel nostro Paese sono in continuo aumento, ma rimane bassissima la percentuale delle denunce: solo il 7% dei perseguitati ha il coraggio di sporgere denuncia. [VIDEO]

In Italia, da quando è stata introdotta la legge nel 2009, sono pervenute più di 50.000 denunce. La pena va da 6 mesi a 4 anni di reclusione. #Cronaca Enna