La prima volta che ho assaggiato il pane cunzato è stato da Giovanni, il mio amico di Sciacca, grande amico. Mentre lo preparava, con gli occhi pieni di orgoglio e ricordi, mi raccontava le origini della ricetta, origini povere, diceva.

Pubblicità

Cerco di rammentare le parole esatte in modo che possiate provare a rifarlo uguale.

Per prima cosa gli ingredienti, eccoli:.

Pubblicità

Per 4 persone: 1 filone di pane casereccio o pan focaccia, pomodorini ciliegino o pachini, 8 o 10 filetti di acciughe sottolio, qualche oliva, 100 gr. di ragusano dop, basilico e olio extra vergine di oliva, quello siciliano che profuma di agrumi e fiori di mandorlo.

Tagliate il pane a metà con un coltello ben affilato in modo da non romperlo, per prima cosa versate l'olio sul pane in modo che risulti ben imbevuto, deve emanare la fragranza dell'olio nuovo. Tagliate a metà i pomodorini e metteteli sulla base del pane, poi sminuzzate i filetti di acciuga e sparpagliateli tra il rosso dei pomodori..

Pubblicità

Il ragusano va tagliato a scaglie sottili, in modo che quando lo mangerete sprigioni tutti i suoi mille sapori senza però risultare dominante. Poi sarà la volta delle olive e delle foglie di basilico. Coprite con il coperchio del pane e tagliate dei quadrati di circa 5 centimetri, otterrete dei bocconi davvero golosi.

Ecco, questo è il pane cunzato che fa il mio amico Giovanni a Sciacca. Facile vero? Certo, non ci sono difficoltà se non quella di reperire gli ingredienti giusti, ora vi racconto quelli utilizzati quella sera: i pomodorini, raccolti 5 minuti prima dell'uso dall'orto, un orto sonnacchioso sotto il sole siciliano e il fresco della luna; il basilico, profumato e verde arriva dallo stesso orto; le olive sono quelle di ulivo che ha circa 600 anni e che la notte ti guarda imponente dall'alto in basso; le acciughe sono quelle del signor Scalia, un'azienda locale che utilizza solo il pesce pescato di fronte a Sciacca; il ragusano dop.."che ve lo dico affà", direbbe Claudia in romanesco; il pane è quello tipico del posto, pastoso e "ignorante", ma di un buono che non si può descrivere. 

Tutto qui. Sole, Sicilia e tanta passione. Dimenticavo, accompagnate il pane cunzato con del vino bianco freddo, magari un Grillo e vedrete che serata fantastica. #smartphone #iphone #vacanze estive