Gli Stati Uniti, si sa, sono uno dei paesi dove l’allarme obesità è molto diffuso. I giovanissimi sono tanto a rischio in quanto particolarmente attratti dal junk food (basti pensare ai prezzi modici delle catene di fast food) e principali destinatari delle pubblicità di snack ipercalorici.
Ma è proprio in età giovanile che si possono acquisire buone abitudini alimentari che si riveleranno decisive in età adulta.
Ecco, allora, che ai nutrizionisti dell’Università di New York “School of Public Health” è venuta la brillante idea di condurre un “esperimento” per aiutare i ragazzi meno abbienti a scegliere frutta e verdura al posto di merendine poco salutari.


Il dato di partenza dello studio – La considerazione da cui gli studiosi universitari sono partiti è che la popolazione a maggior rischio di obesità è quella più povera, in particolare negli USA si tratta delle famiglie ispaniche ed afroamericane.


La scelta del campione di studenti – Lo studio è stato, quindi, condotto su circa 60 ragazzi newyorkesi di 11 anni (metà maschie metà femmine, quasi tutti di origine ispanica e afroamericani), aventi diritto a pasti gratuiti.


Come si è svolto l’esperimento – I ragazzi selezionati sono stati divisi in due gruppi. Al primo gruppo è stato chiesto di leggere un racconto “neutro” (ovvero non relativo a tematiche alimentari ne salutiste). Al secondo gruppo, invece, è stato chiesto di leggere un manga, ovvero un fumetto realizzato nell'inconfondibile stile giapponese dal titolo “Combatti per il tuo diritto alla frutta”. Dopodiché, tutti gli studenti sono stati posti di fronte alla scelta della loro merenda gratis per il dopo-#Scuola, avendo a disposizione sia frutta, sia snack calorici come biscotti, patatine fritte, cracker farciti.


Il risultato – Più della metà dei lettori del fumetto manga hanno scelto di fare merenda con arance, mele, fragole e pompelmi.


La conclusione – Lo studio ha inteso dimostrare il potere dei fumetti sulle opinioni dei ragazzi che li leggono. Quindi, nonostante il martellamento degli spot pubblicitari, l’accattivante attrattiva della confezione degli snack confezionati, oltre al loro gusto che, indubbiamente, può essere gradevole, un fumetto manga strutturato in modo da veicolare un messaggio alimentare importante, come l’invito a consumare frutta e verdura perché fanno bene, può avere la meglio ed influenzare in maniera decisiva le scelte dei giovani lettori, orientandoli verso buone abitudini ed una #Corretta alimentazione.
#Benessere