La zuppa di pesce alla cagliaritana, conosciuta anche come “sa cassola”, è un piatto tipico della tradizione di Cagliari. Si può cucinare in ogni periodo dell’anno e chiaramente dipende da ciò che il pescato in mare offre. Basta farsi un giro nei mercati cagliaritani, come quello di San Benedetto e di Via Quirra, ed il gioco è fatto. Le sue origini derivano dal termine spagnolo “cazola” che si trova nel famoso ricettario di Ruperto da Nola, il “Libre de Coch”, uno dei più rinomati cuochi alla corte di Re Ferdinando I di Napoli, nel 1500.

Si tratta di una semplice zuppa di pesce che, secondo gli storici, sarebbe stata portata in #Sardegna durante il dominio degli spagnoli.

Pubblicità
Pubblicità

Oggi vi proporrò la ricetta di mia nonna Itala che preparava questa delizia per allietare la gioia dei nipoti e dei tanti parenti e amici che spesso si ritrovavano a casa sua per passare una giornata in compagnia.

Ingredienti per 8 persone

Un chilogrammo di pesce misto;

1 kg tra crostacei e molluschi;

1 bicchiere d’olio d’oliva;

2 spicchi d’aglio;

1 kg di pomodori da sugo;

3 pomodori secchi;

Sale; 

La preparazione

Per la classica cassola di pesce alla cagliaritana – scrive Nonna Itala nelle sue #Ricette – non occorrono elaborate manipolazioni, ma sono necessarie almeno sette varietà fra pesci, molluschi e crostacei: insostituibili seppie e scorfani. Andrebbe poi cucinata e servita in una larga e bassa casseruola di coccio. Procurarsi dunque i pesci, che si possono scegliere fra vacche, scorfani, arroccali, pesci San Pietro, saraghi, muggini, anguille, seppie, calamari, arselle, cozze, bocconi, piccoli astici e granchi.

Pubblicità

Nettare pesci, crostacei e molluschi per la cottura, mettere a rosolare in un bicchiere d’olio due spicchi d’aglio mondati e tagliati a metà. Appena l’aglio è cotto, eliminarlo e versare nel tegame, dentro l’olio fumante, i pomodori secchi tritati finemente con la mezzaluna e, dopo cinque minuti, un chilo di pomodori pelati, liberati dai semi e tagliati in filetti. Fare addensare per circa un quarto d’ora, rimestando con un cucchiaio di legno.

Quando la salsa è pronta salare moderatamente e aggiungerci pesci, crostacei e molluschi cominciando da quelli che hanno bisogno di più cottura e ricoprendo sempre il tegame fra un’aggiunta e l’altra. I pesci di grossa taglia e i molluschi abbisognano di cuocere nella salsa per un quarto d’ora, venti minuti. I crostacei, invece, per sette-nove minuti.

Buon divertimento e buon appetito. #Cronaca Cagliari