L'autunno, la dolce stagione dei colori caldi, ci regala la voglia di rimanere in casa e riscaldare il proprio palato con dei sapori particolari che ci addolciranno la giornata.

Uno dei colori che si collegano di più allo spirito autunnale è sicuramente il giallo che spesso si esibisce con il suo valore dorato. Il giallo dorato è presente da tutte le parti, specialmente in strada o nei cortili dove gli alberi hanno lasciato l'adorno delle proprie foglie. Un modo di valorizzarlo nel proprio palato è farsi un dolce che con ogni assaggio ci darà il piacere del gusto prezioso, come, ad esempio, la dolce #torta d'oro dell'autunno.

Ingredienti

  • 1 bicchiere di farina;
  • 2 uova;
  • 1 cucchiaio di miele;
  • 2 cucchiai di marmellata di limone
  • 1 cucchiaino di caffè arabica
  • 1 bustina di lievito in polvere
  • 0,5 bicchiere di olio di girasole
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 0,5 bicchiere di #grappa al miele 
  • 1 melo #cotogno

Preparazione

Subito all'inizio si fanno due dolci sospiri per poi, con un dolce sorriso, continuare con il montare le uova nella ciotola con il frullatore per 3 minuti.

Pubblicità
Pubblicità

Una volta montate, aggiungere il miele, la marmellata, il caffè e l'olio. Mescolare tutto per bene ed, allora, passo per passo, aggiungere la farina ed il lievito. Lasciare da parte il tutto. Prendere il melo cotogno e tagliarlo a piccole fettine. Riscaldare una pentolina sulla stufa e mettere dentro il melo cotogno, la grappa e lo zucchero. Mescolare affinché il melo cotogno non assorbisca tutta la grappa. Quando è ancora caldo, mettere i pezzi di melo cotogno nella teglia infarinata per poi coprirli con l'impasto. Lasciare nel forno caldo a 200 gradi per 30 minuti.

Presentazione

Coprire la teglia con il piatto. Girare poi lentamente per far sì che la torta s'imposti per intera sul piatto. Lasciare che si raffreddi per 30 minuti ed impolverare con il zucchero a velo. Tagliarla mentre è ancora un po' calda ed accompagnarla con la panna montata ed un piccolo bicchierino di grappa al miele.

Pubblicità

Sarebbe un peccato non mangiarla in compagnia.