E' ormai arrivato ufficialmente l'inverno ed è impossibile stare lontani dal divano, davanti ad un camino acceso, con qualcosa da sgranocchiare e magari vedendo un bel #film. E, dal momento che i film candidati ai nuovi premi Oscar verranno annunciati più avanti nel mese di febbraio, perchè non rivederne di vecchi? La #cucina da sempre va a braccetto con il #Cinema: le cucine ricostruite sui set cinematografici sono particolari, un po' poetiche e spesso sono la caratteristica dominante dell'intera pelllicola..

Pubblicità

Pubblicità

13 cucine del cinema memorabili

1. "AMORI & INCANTESIMI" (1998)

Un'affascinante cucina costruita in un set di Los Angeles, anche se il film è ambientato in una canonica Vittoriana del New England. Pavimenti neri, piastrelle lucide e una stufa simile a un focolaio, con un calderone che bolle: perfetta per una famiglia di streghe.

2. "IL PRANZO DI BABETTE" (1987)

Vincitore di un premio Oscar, narra la storia di un pranzo che oltrepassa i limiti e della sua cuoca Babette, che cucina un pasto Danese memorabile quanto il film.

3. "L'AMORE NON VA IN VACANZA" (2006)

Nel film sono presenti varie cucine, tutte molto belle, ma quella del piccolo cottage di Kate Winslet ha rubato i nostri cuori: pareti bianche in pietra, una piccola stufa, armadi color canna da zucchero e un caminetto.

4. "E' COMPLICATO" (2009)

Luminosa, ordinata e spaziosa: è la cucina da sogno di Meryl Streep, a partire dal modo in cui si apre nella sala da pranzo, fino al tavolo di marmo che viene utilizzato come area di lavoro..

Pubblicità

5. "C'E' POSTA PER TE" (1998)

Forse per Meg Ryan, forse per le porte di vetro alla francese o più probabilmente per il riutilizzo di una vecchia scrivania con una lampada come spazio in più: in ogni caso, questa cucina di New York City è quella che tutti noi vorremmo avere.

6. "IL FAVOLOSO MONDO DI AMELIE" (2001)

Caratterizzato da colori come rosso scarlatto, salvia e calendula, la cucina in Amélie ci rende nostalgici. E' retrò al punto giusto, piccola e con una grande finestra da cui spiare i passanti.

7. "SABRINA" (1954)

Una cucina luminosa, vivace, espansiva ed allegra, in cui i servitori preparavano il cibo per la famiglia Larrabee. Allegra abbastanza per ricordare a Audrey Hepburn che l'erba non potrebbe essere più verde al piano di sopra.

8. "JULIE & JULIA" (2009)

Ci sono due grandi cucine in questo film: quella di Julia Child nella casa di Cambridge e quella di Julie Powell del suo appartamento nel Queens. Ma se dobbiamo sceglierne una, è quella di Julia, meticolosamente ricreata dalle fotografie della sua cucina originale..

Pubblicità

9. "ROSEMARY'S BABY" (1968)

Nel thriller psicologico di Roman Polanski, gli interni dell'appartamento di New York City di Mia Farrow sono ritratti alla perfezione: la cucina, con i suoi elettrodomestici color mostarda, la luce fioca e le pareti fatte di piastrelle stile metropolitana, era inquietante ma allo stesso tempo desiderabile.

10. "A SINGLE MAN" (2009)

Ambientato negli anni 60 e girato in gran parte in una casa progettata da John Lautner in California, questo film di Tom Ford, vincitore di diversi premi, lo ricordiamo per gli interni suggestivi, soprattutto la cucina dall'arredamento ultra evocativo.

11. "RATATOUILLE" (2007)

Con i suoi interni d'ottone color nero lucido, il pavimento piastrellato e il set di pentole di rame, la cucina del ristorante in "Ratatouille" è perfetta, tanto quanto i suoi chef.

12. "CHOCOLAT" (2000)

Lo spazio in cui lavora Vianne è esattamente come vorremmo fosse il nostro pied-a-terre, una volta fuggiti in Francia: un tavolo gigante di una fattoria su cui lavorare, un'illuminazione calda e diversi ripiani aperti contenenti tutto quello che serve.

13. "GOSFORD PARK" (2001)

Il film, che ha ispirato la serie tv "Downton Abbey", è ambientato in una casa di campagna inglese nel 1930. La cucina, ricoperta di piastrelle stile metropolitana e piena di oggetti ordinati secondo l'altezza e la grandezza, è uno scorcio affascinante di quei tempi, epoca in cui le servitù dominavano le cucine.