Il #migliaccio è un dolce tipico del carnevale napoletano, se ti trovi a Napoli in questo periodo lo trovi in tutte le vetrine delle pasticcerie, negli ultimi tempi anche in diverse versioni, solitamente si mangia il Martedì grasso, presente nella versione dolce o salato, l'origine risale al medioevo dal latino miliaccium che indica un pane di miglio,un piatto tipico contadino in tempi passati, un piatto completo insieme al sangue di maiale. Il miglio nella ricetta utilizzata oggi non ne trovi si usa la semola.

Pubblicità

Ingredienti:

  • 1 litro di latte intero
  • 300 gr di semolino
  • 300 gr di zucchero
  • 4 uova
  • 2 bustine di vanillina
  • scorza di un limone intero
  • 50 gr di burro
  • zucchero a velo
  • preparare una teglia da 24 cm e una da 28 cm

Tempo di preparazione 20 minuti per la cottura della semola, raffreddamento successivo un'ora + cottura..

Pubblicità

Mettere sul fuoco una pentola grande con all'interno il latte e la scorza di limone lavata e tagliata, portare ad ebollizione sempre a fiamma moderata. Aggiungere poi la vanillina, lentamente a fiamma bassa aggiungere a filo il semolino fino a che non diventi denso, fate attenzione a non creare grumi, mescolare a mano a mano che si aggiunge il semolino con un cucchiaio di legno. Spegnere il fuoco aggiungere lo zucchero, mescolare e aspettare che il tutto si raffreddi. Una volta raffreddato togliere le bucce di limone, aggiungere il burro, aggiungere una alla volta le uova e con un frullatore mescolare tutto. Prendere una teglia di 28 cm e una di 24 cm imburrare, versare il composto, bagnarsi le mani con un po' di olio e passare la mano per livellare la semola dopo averla versata nelle teglie, cospargere una manciata di zucchero prima di infornare. Cuocere in forno preriscaldato a 200° per 20 minuti (adeguare le temperature al proprio forno), far dorare e infine sfornare. Appena raffreddato togliere dalla teglia e cospargere il migliaccio con zucchero a velo, tagliare e servire, può essere accompagnato da altri dolci carnevaleschi quali chiacchiere, castagnole ma anche da un buon liquore al cioccolato o da un limoncello. Buon Appetito!.

Pubblicità