Le seadas sono dei rustici dolci fritti, tipici della tradizione sarda. Fatte con ingredienti molto semplici, la loro origine è legata alla pastorizia e, anche se adesso è considerato un dolce, in passato, per la presenza del formaggio di pecora, rientrava tra le pietanze principali, infatti poteva sostituire il secondo.

Pubblicità

Ingredienti per sei persone

  • 500 grammi di farina bianca
  • un cucchiaio di farina di semola
  • 400 grammi di ricotta di pecora
  • 50 grammi di strutto
  • mezzo limone
  • un pizzico di sale
  • olio di semi per friggere
  • miele o zucchero semolato per condire

Procedimento

Prima di tutto, mettere la ricotta in una pentola alta con 2,5 dl di acqua, la farina di semola e la scorza grattugiata di mezzo limone.

Pubblicità

Cuocere a fuoco basso, continuando a mescolare con un cucchiaio di legno, finchè il formaggio non si sarà sciolto, formando un composto liscio e omogeneo. Togliere dal fuoco e lasciare intiepidire.

Quindi, con le mani bagnate, prendere il composto a pezzetti e formare dei dischetti di circa 10 cm di diametro, schiacciandoli bene. Metterli da parte, su un telo per farli asciugare, stando attenti a non sovrapporli.

Intanto, preparare la pasta: setacciare la farina bianca sulla spianatoia e lavorare con lo strutto e l'acqua tiepida, fino ad ottenere un impasto della giusta consistenza. non deve essere troppo duro e nemmeno appiccicoso.

A questo punto, stendere con l'aiuto di un mattarello in due sfoglie sottili. Su una delle due, adagiare i dischetti di formaggio ben distanziati tra di loro e ricoprire con l'altra sfoglia.

Pubblicità

con un tagliapasta rotondo, ritagliare le seadas sigillando bene i bordi. Friggere in olio bollente finchè non assumono un bel colore dorato, stando attenti a non bucare la sfoglia per evitare che il formaggio fuoriesca, scolare e adagiare su carta assorbente. Infine immergere le frittelle nel miele caldo o, se preferite, cospargere con zucchero semolato e servire tiepide.

Le seadas vanno consumate fresche, al massimo entro un paio di giorni, per evitare che la sfoglia si secchi. #dolci e torte #Dolci sardi