Mangiare insetti, invece della carne bovina potrebbe aiutare ad affrontare il cambiamento climatico riducendo le emissioni nocive legate alle produzioni animali, una ricerca di fine aprile degli agronomi dell’Università di Edimburgo lo indica.

A livello mondiale Sostituire metà della #carne mangiata con grilli e vermi taglierebbe di un terzo i terreni agricoli impiegati per mantenere la zootecnia, riducendo sensibilmente le emissioni di gas serra.

Mentre la riluttanza dei consumatori a #mangiare #insetti limita il consumo di invertrebati, anche un piccolo aumento porterebbe benefici, i ricercatori affermano. Ciò potrebbe essere realizzato usando insetti come ingredienti in alcuni cibi preconfezionati.

Pubblicità
Pubblicità

La ricerca di un'agenzia delle Nazioni Unite

Utilizzando i dati raccolti principalmente dalla "Food and Agriculture Organization" delle Nazioni Unite, la FAO, gli scienziati hanno confrontato l'impatto ambientale della produzione di carne tradizionale con quelle di fonti alternative di cibo. È il primo studio a farlo.

I ricercatori dell'Università di Edimburgo hanno considerato uno scenario in cui la metà della corrente mix di prodotti di origine animale è sostituita da insetti, carne coltivata in laboratorio o carne imitazione.

Essi hanno scoperto che gli insetti la limitazione della carne - come un maggior consumo di alimenti a base di soia in sostituzione - sono più sostenibili in quanto richiedono meno terra e energia da produrre. La carne bovina è di gran lunga la meno sostenibile, aggiungono.

Pubblicità

A differenza di studi precedenti, la carne coltivata in laboratorio è risultata essere non più sostenibile di pollo o uova, che richiedono una superficie equivalente di terra, ma con più energia nella produzione.

Il team dice che dimezzare il consumo globale di prodotti di origine animale mangiando più insetti o limitando la carne libererebbe 1680 milioni di ettari di terreno - 70 volte più grande del Regno Unito.

Simili risparmi di terra potrebbe essere fatto anche passando dagli attuali mix di prodotti di origine animale a diete con più elevato apporto di pollo e uova. Si è scoperto che la terra necessaria per produrli risulta marginale al cospetto di degli allevamenti tradizionali di bovini e ovini.

Oltre ad essere un fattore importante di emissioni di gas serra causato dall'uomo, la produzione zootecnica corrente ha altri impatti ambientali. A livello globale, i pascoli coprono il doppio della superficie delle terre coltivate, e il bestiame consuma circa un terzo di tutte le colture raccolte, dicono i ricercatori.

Pubblicità

La ricerca, pubblicata sulla rivista Journals Consult è sostenuta dal programma di sicurezza alimentare del Regno Unito e dal settimo programma quadro dell'Unione europea.

L'autore Dr. Peter Alexander, dell'Università di Edimburgo, ha detto: "Un mix di piccoli cambiamenti nel comportamento dei consumatori, come la sostituzione di manzo con pollo, la riduzione dei rifiuti alimentari e l'introduzione di insetti nelle diete , contribuirebbe a ottenere risparmi di terra e un sistema alimentare più sostenibile."

Il professor Dominic Moran, dell 'Università di York, ha dichiarato: "Le sfide ambientali che affliggono il settore agricolo mondiale sono in aumento e questo lavoro ha studiato alcuni degli alimenti alternativi in da introdurre nelle nostre diete per alleviare un po' questa pressione ".