A vent'anni esatti dall'uscita del primo libro della serie, su #harry potter si è scritto di tutto e di più. Le sue avventure, in libreria come al cinema, hanno accompagnato un'intera generazione di bambini ormai adulti che conoscono (o pensano di conoscere) ogni dettaglio della storia. Ma non tutti hanno tenuto conto dell'ingegnosità dell'autrice #J. K. Rowling. Sul sito Screenrant è apparso un articolo sugli spoiler lasciati dalla scrittrice britannica che anticipano verità e colpi di scena, tanto da pensare quanto il mondo di Harry fosse già strutturato nella sua mente sin dall'inizio. Inutile dirlo... Spoiler alert!

Ron dice per scherzo che Voldemort ha ucciso Mirtilla Malcontenta

In La Camera dei Segreti, Harry e Ron parlano del premio assegnato a Tom Riddle per servigi speciali a Hogwarts.

Pubblicità
Pubblicità

Ron scherza dicendo che magari l'ha vinto per aver ucciso Mirtilla Malcontenta. Alla fine si scoprirà che la bambina è morta a causa del Basilisco controllato da Riddle. In quel momento, Harry e Ron ancora non sanno che Tom è in realtà Voldemort da giovane.

J. K. Rowling ci rivela in anticipo l'amore tra Harry e Ginny

Se la simpatia, poi cresciuta in sentimento, tra Harry e Ginny pervade diverse pagine della saga, in realtà è stata la stessa autrice a lasciare un indizio sul suo sito personale. Durante una partita a Quidditch in L'Ordine della Fenice, Cho (prima fidanzatina di Harry) e Ginny sono le due cercatrici per Corvonero e Grifondoro. Ginny soffia a Cho da sotto il naso il Boccino d'oro. La Rowling lascia intendere che il Boccino simboleggia il cuore di Harry.

Sibilla Cooman ha più talento di quanto si pensi

In Il Prigioniero di Azkaban, l'eccentrica insegnante di Divinazione Sibilla Cooman anticipa la morte di Albus Silente quando rifiuta il suo invito a sedersi a tavola con altre dodici persone: "Quando tredici persone pranzano insieme - dice - la prima ad alzarsi sarà la prima a morire".

Pubblicità

In L'Ordine della Fenice è Sirius Black ad alzarsi per primo. In Il Calice di Fuoco invece Sibilla capisce che in Harry Potter c'è qualcosa di #Voldemort quando dice che il ragazzo è nato a metà inverno (come Riddle) invece che a luglio.

La connessione tra Piton e Lily Potter

In La Pietra Filosofale Severus Piton chiede a Harry: "Cosa ottengo se verso radice di asfodelo in polvere in un infuso di artemisia?" L'asfodelo è una liliacea - Lily è infatti il nome della madre di Harry - associata al concetto di morte, simbolo di dolore e lutto. Sempre a proposito di anticipazione, sono gli indizi a rivelare pian piano la licantropia di Remus Lupin in Il Prigioniero di Azkaban. Tuttavia, la scelta del nome da parte della Rowling è già un indizio: sia per il cognome, che per il nome Remus, come il Remo della fondazione di Roma allevato dalla lupa.

La Rowling dà i numeri

Nella saga di Harry Potter la numerologia ha grande importanza. Il 3 rappresenta la forza, sia positiva che negativa. Basti pensare al trio Harry, Ron, Hermione, ai Doni della Morte e alle Maledizioni senza perdono.

Pubblicità

Il numero 13 è associato alla morte e il 7 spunta ovunque: sette sono i libri, i fratelli Weasley, i passaggi segreti ad Hogwarts, gli Horcrux creati da Voldemort. E ancora, la bacchetta di Harry costa 7 galeoni, il Quidditch ha sette giocatori e così via.

Le Legilimanzia di Piton in La Pietra Filosofale

Se i lettori lo scoprono solo in L'Ordine della Fenice, la Rowling lo lascia intendere nel primo libro, quando a Harry viene il sospetto che Piton gli legga nella mente. L'autrice, quindi, pianificava sin dall'inizio le lezioni di Occlumanzia che il professore impartirà al ragazzo. Per quanto riguarda la Mappa del malandrino, l'ordine dei suoi creatori non è casuale. Lunastorta, Codaliscia, Felpato e Ramoso - ovvero Remus Lupin, Peter Minus, Sirius Black e James Potter - muoiono in ordine inverso rispetto ai loro nomi sulla mappa. Ma quando questa appare in Il Prigioniero di Azkaban solo James è già morto.

Il trio trova un Horcrux senza rendersene conto

In L'ordine della Fenice, Harry Potter, Ron e Hermione trovano il medaglione di Salazar Serpeverde ma non riescono ad aprirlo. Capiranno solo molti libri dopo che è uno degli Horcrux di Voldemort. Per finire, c'è l'infanzia quasi identica di Harry Potter e Tom Riddle. Entrambi mezzosangue, orfani e cresciuti da Babbani. Entrambi Rettilofoni. Anche fisicamente c'è una certa somiglianza. Come lo stesso Tom afferma in La Camera dei Segreti: "Fra noi, Harry Potter, esistono strane somiglianze. Perfino tu devi averle notate".