Pubblicità
Pubblicità

"In un momento sei sul palco con 2000 persone, nell'attimo successivo magari ti ritrovi a casa da solo". Il rapper Ghemon, in un'intervista rilasciata all'Ansa, usa questo controsenso per far capire la spirale in cui era caduto. Oggi, dopo aver vinto la sua battaglia contro la depressione, presenta il nuovo disco intitolato "Mezzanotte" e il tour che partirà a fine mese da Milano.

Ho fatto i conti con me stesso

Gianluca Picariello, alias Ghemon, 35 anni, avellinese di origine e residente a Milano, racconta il percorso che ha seguito durante la malattia e afferma con tenacia che la prima cosa da fare è quella di sfatare il tabù della vergogna, ammettere di avere un problema e curarsi: "Tempo fa mi sono ritrovato alla fine di una tournée senza quasi più niente, la fine di un amore importante e altre esperienze che si sono chiuse.

Pubblicità

E' così che ho conosciuto la depressione. Non avevo voglia di far niente, ero diventato apatico e mi rifugiavo a letto per dormire, questo era l'unico modo per spegnere il cervello e il buio dei miei pensieri".

La luce alla fine del tunnel

La diagnosi della malattia è datata gennaio 2016. Questo è il momento in cui l'artista ha cominciato a prendere coscienza del problema e a iniziare un percorso terapeutico di conoscenza del proprio sé per migliorare la qualità della propria vita. "Ho cominciato a parlarne con gli amici, con lo psicoterapeuta, mi sono confrontato e mi sono reso conto che la depressione è un disturbo comune, che molti conoscono perché l'hanno provata sulla loro pelle o perché l'hanno diagnosticata ad amici, parenti o conoscenti. Così dopo un po', grazie all'aiuto dei medici, sono riuscito a portare il tutto in una dimensione più normale e oggi vivo meglio.

Pubblicità

In questo contesto è nato "Mezzanotte" e alcune tracce come "Magia nera" o "Niente più" mescolano luce e buio, yin e yang, insomma un intreccio di opposti [VIDEO]".

Il nuovo album

Uscito a fine ottobre, quinto album di una carriera iniziata con "La rivincita dei buoni" nel 2007 e proseguita fino al successo di ORCHIdee nel 2014, il disco segna un cambio di rotta nell'orizzonte musicale di Ghemon. Si spazia dal Flow Rap [VIDEO], all R&B fino al Nu-soul, con spiccate influenze che vanno da Quincy Jones e attraversano il blues italiano di Pino Daniele per arrivare ai Napoli Centrale. Ne seguirà un tour che inizierà con le date di Milano 30-11 e 1-12 e proseguirà in Dicembre con gli appuntamenti di Bologna, Firenze, Roma, Torino, Padova, Perugia e Avellino. #hip hop #rap