Viaggiare, si sa, è una delle attività più amate dall'uomo moderno. Il viaggio può essere di vari tipi: da quello fatto in alberghi lussuosi o comodi villaggi, a quello più rupestre fatto nel bel mezzo della natura [VIDEO].

Questo secondo tipo di #viaggi è certamente più usuale in estate, quando il clima lo permette. Per un viaggio nel pieno della natura, però, ci sono delle regole che si devono sapere. Ecco le dodici regole da sapere per chi ama questo tipo di viaggio.

Le 12 regole di chi viaggia nella natura

1: avviare un fuoco sulla sabbia o sulla pietra. Se non si riesce a trovare il posto ideale per avviare il fuoco, si può togliere la parte superiore del suolo scavando una piccola fossetta.

Pubblicità
Pubblicità

2: quando si accende il fuoco, non versare liquido infiammabile perchè il rischio è che il contenitore del liquido possa esplodere.

3: nel bel mezzo della natura, è molto probabile trovare delle formiche pronte a camminare sul tavolo; per fermarle, si può posizionare ogni gamba del tavolo in un contenitore monouso con acqua.

4: se si sta usando un tappeto per il pic- nic, si consiglia di mettere qualche foglia di menta secca o la buccia di qualche cetriolo sul tappeto. I profumi forti della menta e del cetriolo, spaventeranno le formiche.

5: le zanzare possono essere spaventate con l'aiuto di rosmarino o salvia. Sparare qualche foglia sui carboni caldi del tuo fuoco o grill.

6: se si è vicini a qualche sorgente d'acqua, non bisogna lavare i piatti in essa. Si possono lavare utilizzando un secchio o una ciotola e poi puoi versarla nel terreno.

Pubblicità

7: se si trova una puntura di insetto, non bisogna preoccuparsi. Bisogna coprire l'area della puntura con olio vegetale.

8: Se ci si brucia, si possono poggiare una patata cruda o una carota sulla bruciatura. In caso di bruciatura, il comportamento ideale è quello di versare acqua fredda e cospargersi di sale E' importante attendere che il sale si asciughi e scenda. E' importate applicare una crema antibiotica sulla zona bruciata.

9: è necessario pulire il colpo dal veleno in caso di puntura. Si consiglia di mangiare 2 cucchiaini di radice di zenzero macinato in 600 ml di acqua bollente, mescolare insieme, quindi filtrare. Bere 50 ml di questa infusione calda durante il corso della giornata. Fare bollire 3-5 cucchiai di cannella per 5 minuti e poi filtrare. Si possono bere 2-3 tazze del succo mentre è ancora caldo.

10: solo le api lasciano il loro pungiglione. Se si è punti da una vespa non ci sono pungiglioni, meglio non sfregare la ferita per evitare infezioni. In caso di presenza di pungiglione di ape, bisogna premere sulla pelle con una carta di plastica.

11: una eventuale ferita sanguinante si può fermare con un bendaggio però è consigliabile andare subito in ospedale.

12: se noti un serpente, non muoverti e non cercare di scappare. #curiosità #Viaggi Low Cost