Chi è abituato a farsi un giro su #Youtube per ammazzare il tempo ormai se ne è reso conto. In qualche modo, come se tutti si fossero improvvisamente messi d'accordo, #All Star, vecchio successo mondiale degli Smash Mouth, ha conquistato la rete.

La canzone divenne una hit di fama universale grazie al film d'animazione Shrek, in cui faceva da sottofondo a una delle prime scene. La canzone era stata scelta perché all'epoca gli Smash Mouth erano sulla cresta dell'onda grazie ad un altro successo incredibile, Walkin' on the Sun. Dopo essersi legata indissolubilmente alla pellicola di Dreamworks, All Star non è mai stata dimenticata veramente da nessuno.

Pubblicità
Pubblicità

Resta uno di quei successi che chiunque riconosce al volo e canticchia.

La canzone negli ultimi mesi è diventato un vero e proprio #meme virale. Al semplice utilizzo del testo in immagini umoristiche sui social networks si è passati ad una vera e propria esplosione di estro creativo che coinvolge più modalità di quante se ne riesca ad immaginare. C'è chi suona il brano con i toni della tastiera di un vecchio cellulare, chi ha cominciato a fare mashup con altre canzoni (in particolare la sovrapposizione del testo della canzone al successo di Ed Sheeran Shape of you), fino a follie di editing: su YouTube si trovano video dove le note di All Star sono riordinate dalla più grave alla più acuta, oppure in ordine alfabetico. Addirittura c'è chi ne ha fatto un tema per il proprio canale: Jon Sudano, ad esempio, è divenuto famoso sulla piattaforma per aver pubblicato decine di video in cui canta semplicemente il testo di All Star su basi musicali tratte da altri brani.

Pubblicità

Grazie a questo fenomeno, All Star è tornata ad essere una delle canzoni più conosciute e ascoltate in tutto il mondo, oltre ad aver dato modo all'utenza di divertirsi, di mettere in gioco le proprie abilità di editing e all'inventiva di migliaia di persone. Ciò dà anche modo di riflettere sulla potenza della rete. Non è infatti un caso che un qualcosa di apparentemente "comune" sia diventato virale grazie all'utenza. Qualche tempo prima era successo anche con un altro brano, ovvero Sandstorm, di Darude, utilizzato per riempire i tempi morti nelle dirette streaming dei tornei degli esports e divenuta presto un motivetto diffusissimo su YouTube.

A decidere cosa può divenire oggetto di una massiccia diffusione sembrano quindi essere gli utenti stessi che, tramite piattaforme come 4Chan, Reddit e Facebook, lanciano nuove mode, elevando e abbassando gli idoli con lo strumento della condivisione. Non è quindi così assurdo pensare che, fra qualche anno, il marketing sarà orientato verso la creazione di mode nella rete. Del resto, alcuni già ci hanno pensato, come la ormai ben nota Taffo G & C Onoranze Funebri, che su Facebook ha lanciato una vera e propria campagna pubblicitaria al ritmo di humour nero e meme.