Non ci sono più dubbi o spazi lasciati a dibattiti. In alcuni comuni del Belpaese chiunque abbandoni il proprio ombrellone su una spiaggia libera viene considerato colpevole di reato e punito con una multa, e in taluni casi anche con la reclusione. Sembra paradossale punire certe frivolezze estive, ma alcuni comuni italiani hanno iniziato a punire che lascia oggetti incustoditi sulla battigia. In tal senso si è mosso ad esempio il Comune ligure di Bordighera, che l'anno scorso ha comminato ben 112 multe per i bagnanti che avevano lasciato le proprie cose incustodite sulla spiaggia.

Ombrelloni incustoditi

Secondo le singole disposizioni dei comuni gli oggetti lasciati sulle spiagge libere per poter "prenotare" un posto vengono considerate un intralcio per tutti gli altri bagnanti, che devono poter usufruire della spiaggia senza essere impediti da oggetti altrui.

Pubblicità
Pubblicità

Per tale motivo il Comune di Follonica ha deciso di dare l'esempio con un ordinanza che stabilisce il sequestro coattivo e senza formalità degli oggetti che vengono lasciati incustoditi sulla spiaggia o in zone limitrofe (appesi ad alberi o pali). Sono inoltre previste multe fino ai 500 euro per chi viola tale disposizione amministrativa.

Dalle multe alla reclusione

Le ordinanze comunali non si sono però fermate alle multe, o ai sequestri degli ombrelloni abbandonati. Si è giunti anche alla pena della reclusione. Una disposizione in tal senso è l'art. 1161 del codice della navigazione che prevede "il divieto di occupazione arbitraria delle spiagge demaniali, con una sanzione penale che consiste in concreto nell'arresto fino a 6 mesi e un'ammenda fino a 516 euro".

Ovviamente tutto questo vale per le spiagge libere, dove gli oggetti abbandonati vengono considerati un intralcio.

Pubblicità

Non accade così invece nelle spiagge private, dove i posti vengono preventivamente occupati da sdraio e ombrellini, a distanza di pochi centimetri l'uno dall'altro, e quindi dove lo spazio adibito al passaggio dei bagnanti risulta difficoltoso se non impossibile. Nelle spiagge libere sarà quindi meglio non dimenticare il proprio ombrellone (e i propri oggetti personali), ma anzi portarli a casa la sera prima, e cercare di trovare un posto migliore la mattina seguente, ond'evitare sequestri o multe pesanti (che possono raggiungere anche molto di più di 500 euro, a seconda del comune di riferimento). #leggi #estate 2017 #comuni italiani