L’olio di iperico: un concentrato di flavonoidi e carotene utile non solo per curare ustioni e ferite, ma anche contro le rughe. Il suo effetto antietà è tra i più straordinari che esistano in natura, grazie ai suoi componenti: vitamine (il carotene, precursore della vitamina A), flavonoidi (iperoside, ipericina, rutina, quercetina), oli essenziali e tannini. Un mix ricchissimo dalle straordinarie proprietà emollienti e lenitive, tanto è vero che può essere usato in caso di graffi e piccole ustioni. Le sue doti purificanti, antisettiche, antinfiammatorie, astringenti e decongestionanti ne completano il profilo.

L'olio di iperico: tutti i benefici per la pelle

La pelle trae grandi benefici dall'olio di iperico, capace di stimolare la rigenerazione cellulare e combattere i radicali liberi, restituendole elasticità. Molto semplice il trattamento: ogni sera, dopo aver rimosso il trucco, applicare l’olio su viso e collo con un batuffolo di cotone; in alternativa, si può stendere con piccoli movimenti circolari direttamente con le dita.

Pubblicità
Pubblicità

L’estratto puro, in quanto non possiede componenti chimici, è da preferire. I primi risultati si noteranno dopo i primi 15-20 giorni, quando vedrete le cosiddette 'rughe di espressione' sensibilmente attenuate. Unico effetto collaterale, la fotosensibilizzazione: si sconsiglia dunque di esporsi al sole, o di ricorrere alle lampade abbronzanti, per evitare inestetismi e sgradevoli macchie scure sul viso. Ottimo invece come doposole.

L'iperico viene chiamato anche 'erba di San Giovanni' perché la raccolta, e la successiva preparazione dell'olio, coincide con il giorno dedicato a questo santo (il 24 giugno). Utilizzato fin dalla notte dei tempi, è un ottimo rimedio contro l'eritema solare, le ustioni, le psoriasi, le piaghe da decubito, la secchezza della cute del corpo e del viso, i segni lasciati dall'acne e perfino le smagliature.

Pubblicità

Due soli ingredienti per la ricetta, semplice da preparare

La ricetta è molto semplice ed è a base di due soli ingredienti: olio d'oliva (o di mandorle dolci) e fiori freschi di iperico che vanno raccolti rigorosamente a mano, lavati e asciugati con un panno di puro lino. Dopo averli inseriti in un contenitore di vetro, ricoprendoli con l'olio scelto, devono essere lasciati sotto il sole scuotendoli di tanto in tanto. A un certo punto noterete che inizierà a colorarsi di rosso e, in circa una ventina di giorni, ecco pronto l'olio di iperico. Basta filtrare con una garza, ed è fatta. #olio d'iperico #antirughe #Rimedi Naturali