Il mestiere più antico del mondo lo conosciamo tutti, ma onestamente quando parliamo di prostituzione ci riferiamo a quella femminile. In realtà le cose stanno cambiando, anche se non in maniera radicale. Il fenomeno del #Turismo sessuale femminile è cominciato negli anni '80 ma ora ha cambiato gusti e mete, e soprattutto colore della pelle. In una inchiesta del quotidiano Libero un 'prostituto' di colore si racconta.

Dove vanno e da dove vengono

Il fenomeno del turismo sessuale non è più soltanto maschile. Ormai anche le #donne, sole o in compagnia di amiche, partono per trovare e provare un piacere diverso. Probabilmente affascinate dall'uomo esotico, dal mare e le bellezze naturali si lasciano andare a facili incontri.

Pubblicità
Pubblicità

E' stato calcolato che il fenomeno riguarda addirittura circa 600.000 donne che ogni anno viaggiano per cercare avventure sessuali. Le mete preferite dalle avventuriere sono i #Caraibi e il Medio Oriente e per le più coraggiose l'Africa Nera, in questi luoghi incontrano ragazzi locali con cui inizia una vera e propria relazione. Nella maggior parte dei casi queste donne pensano di farli innamorare, ma in realtà i giovanotti locali sanno bene quello che vogliono e quando chiedono "il conto" finisce l'illusione. Il quotidiano Linkiesta ha intervistato qualcuno di questi ragazzi, la maggior parte provenienti dalla Repubblica Dominicana, e sembrano avere l'idee chiare su quello che cercano. Stando a quanto raccontato quando cercano conquiste sessuali puntano sulle ragazze tra i 20 e i 30 anni mentre se vogliono soldi puntano sulle donne dai 40 in su o in sovrappeso.

Pubblicità

Tanto pratici quanto perfidi. L'area di "caccia" sono le spiagge esotiche e le prede preferite sono le donne non abbronzate. Inizialmente i ragazzi si mostrano gentili, premurosi e molto disponibili, ma è tutto finalizzato a quanto scritto prima. Le donne canadesi francesi sono al primo posto, poi vengono le canadesi inglesi e, incredibilmente, al terzo posto le italiane.

Come funziona l'approccio

A quanto pare per le canadesi francesi l'uomo nero non è una storiella raccontata ai bambini per farli spaventare ma una vera e propria passione. Le donne del Quebec sono convinte che gli uomini di pelle scura sono preferibili per il sesso, perché ritenuto più esotico e bello. Nelle prime fasi del rapporto è meglio non parlare di denaro, perché spezza il sogno romantico e fanciullesco dell'avventura. Secondo uno di questi 'prostituti' bisogna cominciare a parlarne quando ci si addentra nei discorsi economici e di possibilità finanziarie. Per quanto riguarda il sesso i giovani esotici sono molto attenti al piacere della 'cliente' preoccupandosi molto degli orgasmi.