Vespa o Lambretta. Non è permesso di essere un fan di entrambi. Come i Beatles o gli Stones, vino rosso o bianco, città o campagna, i due diversi tipi di scooter in qualche modo definiscono la personalità di chi li guida. Entrambi sono stati impegnati a festeggiare il loro 70° anniversario (Vespa lo scorso anno, Lambretta quest'anno). Entrambe le società sono diventate simboli internazionali del design italiano del dopoguerra, della crescita economica e del recupero del paese, di un nuovo consumismo, di fiducia, di stile. Ma come una storia condivisa, c'è anche una vera e propria rivalità, un divario inevitabile nord-sud (questa è l'Italia, dopo tutto) e, negli ultimi anni una rinnovata ondata di interesse e apprezzamento.

Pubblicità
Pubblicità

Gli inizi

Rinaldo Piaggio (Vespa) incominciò a Genova l'attività di produzione di accessori per navi e poi di carri ferroviari e furgoni, motori, tram e autocarri speciali. Con la prima Guerra Mondiale Piaggio si è diversificata nell'aeronautica. Nel 1917 dopo la produzione di aeroplani e idrovolanti apre a Pontedera una fabbrica di aeromobili (eliche, motori e aerei completi, in versione passeggeri e bomber). Durante la Seconda Guerra Mondiale Piaggio era uno dei maggiori produttori di aeromobili italiani. Per questo motivo i suoi impianti erano importanti bersagli militari e le fabbriche di Piaggio a Genova, Finale Ligure e Pontedera subirono gravi danni da guerra. Dopo la guerra Enrico Piaggio, figlio del fondatore dell'azienda, voleva progettare una piccola ed economica modalità di trasporto a due ruote, basata su una bici simile usata dall'esercito italiano, e ideale per un paese la cui infrastruttura e i cui sistemi stradali erano ancora in condizioni disastrose.

Pubblicità

Più a nord, a Milano, la stessa cosa stava succedendo nel sobborgo di Lambrate. Anche l'azienda Innocenti (Lambretta) era stata colpita duramente dai bombardamenti aerei di guerra e il suo fondatore, Ferdinando Innocenti, aveva presentato una proposta per la creazione di una propria #Moto, basata sullo scooter Cushman dell'esercito americano. Innocenti aveva assunto Corradino D'Ascanio, un progettista aeronautico altamente esperto, per lavorare ai suoi progetti. D'Ascanio era cresciuto sempre di più con l'interferenza Innocenti e aveva portato i suoi disegni a Piaggio.

L’innovazione tecnica

Tutti e due i modelli superavano i problemi dei motoveicoli eliminando la catena tramite una monoscocca con rete diretta. Per facilitare la corsa la leva del cambio fu messa sul manubrio. Per semplificare il cambio pneumatico piuttosto che una forcella, fu messo un braccio di supporto simile a quello di un carro. E con l'avvento dell'ergonomia la posizione di guida è stata progettata per consentire al pilota di sedersi comodamente e in sicurezza, non appollaiato pericolosamente su una motocicletta. #innovazione #Documentary