Pubblicità
Pubblicità

Si chiama Bordoll, nome che deriva dalla fusione con doll, bambola, e ha aperto i battenti in Germania a Dortmund. Nella moderna casa d’appuntamenti avviata dalla ventinovenne Evelyn Schwarz, si possono trovare undici bambole in silicone che per 70 euro sono a disposizione anche per un’ora d’amore. Bambole di lusso, di diverse altezze, misura di seno, colore dei capelli e in grado di far perdere la testa a clienti di ogni estrazione sociale. Il successo ottenuto dalla lungimirante Schwarz, che afferma che il 70% degli uomini che provano le nuove escort tornano per ripetere l’esperienza, apre un nuovo scenario nel settore dell’industria dell’eros. [VIDEO]

Il costo di ogni bambola ammortizzato in breve tempo

Le bambole di lusso del Bordoll sono costate 1.786 euro l’una, un investimento, precisa la Schwarz, già ampiamente ammortizzato dall’incredibile successo ottenuto in poco tempo.

Pubblicità

Donne realistiche, dall’aspetto ammaliante e che, soprattutto, non danno alcun problema, tanto che vengono prenotate una dozzina di volte al giorno da uomini di ogni classe sociale ed età, provenienti dai quattro angoli del Paese.

#consumatori, è il caso di dirlo, compulsivi, che vedono nella bambola un irresistibile gioco erotico visto addirittura di buon grado da mogli e fidanzate, che spesso attendono in macchina il compagno impegnato all’interno della casa d’appuntamenti. Solo in un’occasione c’è stato un problema, ammette la Schwarz, quando un cliente eccessivamente agitato ha distrutto Anna, la bambola più popolare del locale, ora in arrivo completamente nuova dall’Asia.

I motivi di un successo clamoroso

Secondo lo psicologo austriaco Gerti Senger alcuni uomini sono più disinibiti con una bambola di nuova generazione che con una donna reale, in grado di spegnere il desiderio se qualcosa va storto.

Pubblicità

Senger afferma che un uomo può fare qualsiasi cosa con una bambola, senza paura di risultare troppo audace o in odore di perversione.

Quel che è certo è che la nuova tendenza si sta diffondendo a macchia d’olio, a Vienna esiste infatti Kontkthof, del tutto simile a Bordoll, e nella città di Linz l’Ars Electronica Festival ha fatto il pieno, presentando i nuovi modelli di bambole interattive. Si è lontani ormai dai modelli gonfiabili e riscaldabili, oggetti da occultare con un po’ di vergogna nel fondo dell’armadio.

Le nuove dolls sono la tendenza apprezzata anche da giudici di tutto rispetto, sottolinea la Schwarz che annovera tra i suoi clienti anche personaggi del jet set di Dortmund. #Eros