Pubblicità
Pubblicità

Chi di voi ha già avuto con sé un criceto può capire quanto amore questi piccoli animali riescano a dare: riconoscono il vostro odore, si abituano alla vostra presenza, si sentono tranquilli e al sicuro solo sulle vostre mani. Ma siete davvero certi di esservi sempre occupati di loro nel modo corretto? Vi siete mai chiesti cosa dare loro da mangiare o che dimensioni dovrebbero avere le loro gabbie e come allestirle correttamente? La vita di un criceto, di qualsiasi specie si tratti, è davvero breve ed è nostro dovere renderla dignitosa.

Vediamo dunque insieme alcuni consigli utili per voi e per loro...

La corretta gestione dei criceti

In Italia vengono comunemente commercializzate quattro diverse specie di criceti: i Whinter White (che vedete in foto), i Dorati, i Campbell e i Roborovskij.

Ognuna di loro ha esigenze diverse ed è pertanto essenziale che prima di adottarne uno siate ben informati su come gestirlo correttamente.

Pubblicità

  • Prima di tutto, è necessario ricordare che i criceti sono #Animali territoriali e solitari. Ognuno di loro, che sia maschio o femmina, va tenuto in una gabbia tutta sua. Non tutti gli animali sono sociali! È vero che per alcuni è necessario avere un co-specifico accanto (per esempio cavie o topolini), ma per i criceti questa regola non vale. Due criceti nella stessa gabbia potrebbero scontrarsi, ferirsi e nel peggiore dei casi, uccidersi. Tenere maschio e femmina insieme è, inoltre, assolutamente sconsigliato per evitare di avere continue cucciolate. I criceti raggiungono la maturità sessuale già a un mese di vita e una femmina puo' arrivare a partorire fino a 10 cuccioli una volta al mese.
  • La gabbia. I criceti sono animali piccoli, ma hanno davvero bisogno di tanto spazio. Immaginatelo per un momento libero in natura. Una piccola gabbia puo' davvero renderlo felice? Per le specie più piccole (Winter White, Campbell o Roborovskij) è bene quindi che la dimensione minima di una gabbia o un box sia di 75x45 cm (120x80 cm nel caso si tratti di un dorato). La gabbia dovrà svilupparsi orizzontalmente e non verticalmente e il criceto dovrà avere una quantità di lettiera sufficiente per poter scavare e costruire cunicoli e gallerie (i criceti sono animali scavatori!).
  • I giochi. I criceti adorano nascondersi, giocare e correre sulla ruota. All'interno della gabbia potrete quindi sbizzarrirvi e arricchirla con tunnel (semplici rotoli di carta igienica o scottex non profumati), una ruota di dimensioni adeguate (20-28 cm di diametro in base alle dimensioni del vostro piccolo roditore), ponti e nascondigli che potrete costruire in casa o acquistare.
  • L'alimentazione. Direttamente a casa potrete preparare un mix di semi da dar da mangiare al vostro criceto costituito, tra le altre cose da avena, grano, mais, segale, quinoa, miglio, panico e tanto altro ancora (troverete una spiegazione più dettagliata nel video qui di seguito), da affiancare ogni giorno a verdura fresca e, un paio di volte a settimana, alla frutta.

  • No al cotone, si a carta igienica non profumata.
  • Veterinario. Periodicamente sarebbe bene far visitare il vostro criceto. Ricordate che sono animali dal metabolismo rapidissimo ed è vitale quindi rivolgersi immediatamente a un veterinario esperto in esotici se doveste notare anomalie nel comportamento o segnali di malessere.

Ci sarebbe davvero molto altro da aggiungere e purtroppo un articolo non basta per raccogliere tutte le informazioni necessarie per una corretta gestione.

Pubblicità

Speriamo, dunque, che questo possa essere un trampolino di lancio da cui partire per regalarvi la gioia di avere con voi un animaletto così speciale e donare a lui la vita che merita.

Adozione Si, acquisto No

In Italia esistono moltissime associazioni che si occupano di cani, gatti, conigli e non mancano quelle che si prendono cura anche dei criceti e che ne concedono l'adozione. Sono animali piccoli, ma non per questo le loro vite sono meno importanti: una vita non si compra, si adotta.

Una delle più attive è sicuramente l'Associazione Italiana Criceti Onlus, cui si devono i video e le informazioni presenti all'interno di questo articolo. L'AIC fornisce guide complete e dettagliate su ogni specie di criceto per permettere a tutti coloro che volessero adottarne uno di avere informazioni corrette e consigli per la gestione. L'adozione certamente non cambierà il mondo, ma per quel criceto il mondo cambierà. E sono davvero tanti i criceti che in questo momento stanno cercando una famiglia, speriamo quindi che molti di voi siano curiosi di conoscerli meglio e regalar loro una casa.

Pubblicità

#adottauncriceto #Ambiente