La notte delle streghe è alle porte. La leggenda narra che, tra la notte del 31 ottobre e il 1° novembre, il mondo dei morti si ricongiunga con quello dei vivi. Eppure, oltre a questo aneddoto, molte persone ignorano la vera origine di #Halloween e il suo significato. Per questo abbiamo deciso di elencarvi otto curiosità sulla notte più tetra dell'anno. Buona lettura.

Otto cose da sapere su Halloween

1) Significato del nome: la parola Halloween deriva dalla forma contratta dello scozzese 'All Hallow eve', che letteralmente significa vigilia di Ognissanti, ma anche 'vigilia degli spiriti sacri', per le popolazioni celtiche.

Pubblicità
Pubblicità

2) La vera origine: l'origine della ricorrenza di Halloween si perde nella notte dei tempi, è certo che la notte delle streghe veniva festeggiata dai pagani, in particolare dai celti. Nelle isole britanniche, la data del 31 ottobre sanciva la fine dell'estate. I celti salutavano la fine della bella stagione e l'inizio dell'inverno attraverso un rito che veniva chiamato Samhain, conosciuto anche come capodanno celtico.

3) La Samhainofobia: trattasi di una vera fobia associata alla paura legata ai fantasmi, alle fattucchiere e all'oscurità notturna, connessa in particolare ai mesi invernali.

4) Perché ci si traveste: le popolazioni celtiche credevano che la notte del 31 ottobre le anime dei morti tornavano sulla terra per tormentare i vivi. Temendo per l'incolumità dei propri cari, travestirsi in modo spaventoso era l'unica possibilità di allontanare le anime dannate.

Pubblicità

5) Halloween, un vero business: negli Usa, la festa di Halloween è seconda solo al Natale. Tra caramelle, feste a tema e costumi, gli americani nel 2016 hanno speso ben 8,4 miliardi di dollari.

6) Dolcetto o scherzetto: Il tormentone 'trick or treat' deriva dalla fusione del culto pagano con quello cristiano. Nel tardo medioevo, i mendicanti chiedevano l'elemosina rivolgendo una preghiera ai defunti dei loro benefattori. In Irlanda, invece, gli abitanti si mascheravano per spaventare gli spiriti maligni, ricevendo a loro volta cibo e vino dai concittadini terrorizzati.

7) Rapa: la zucca è senz'altro il simbolo più famoso della festa di Halloween. Eppure, in origine, gli irlandesi e scozzesi per celebrare la notte di Samhain erano soliti intagliare le rape così da poterle illuminare all'interno. Nel 1800, quando molti di loro emigrarono nel nord America decisero di intarsiare le zucche, disponibili in grandi quantità.

8) Halloween e la religione cattolica: è risaputo che la chiesa non veda di buon occhio Halloween e altre festività pagane, perché connessa secondo loro a pratiche che renderebbero omaggio al maligno. #Curiosità