Pubblicità
Pubblicità

Tutti conosciamo #mcdonald's. Moltissimi, tranne in rari casi, hanno assaggiato almeno una volta nella loro vita il celebre panino del colosso del fast food. La storia della crescita economica della celebre catena è una storia di successi, tanto che McDonald's oggi è una potenza economica, commerciale, immobiliare. La qualità del #Cibo offerto nei fast food è rinomata per essere, agli occhi di dietologi e nutrizionisti, di bassa qualità, ipocalorico, molto saporito, ricco di zuccheri e definito in inglese junk food, ovvero cibo spazzatura. Tuttavia la perfetta strategia di marketing, unita a una peculiare presenza sul territorio hanno fatto divenire McDonald's una catena di fast food di successo a livello mondiale.

Pubblicità

Non è proprio così planetario come successo, anzi il Telegraph ha stilato una lista in cui il fast food avrebbe, fallito.

Cacciato o chiuso per fallimento, la dura vita di McDonald's in questi Stati

Iran

L'azienda è stata presente nello stato islamico fino al 1979, poi con l'avvento della Repubblica Islamica, non è più stata gradita la presenza su suolo iraniano. Il brand americano sta provando a ritornare con un punto vendita a Teheran ma ancora i lavori non sono partiti.

Bermuda

Le isole Bermuda sono off limits da sempre per McDonald's, l'unico punto aperto venne inaugurato nel 1985 press la Stazione Air US Naval. Quando venne chiusa la base nel 1995 dovette chiudere anche il ristorante.

Macedonia

In Macedonia erano presenti ben sette punti vendita, considerando il territorio, erano anche un buon numero, Forse i prodotti offerti non piacciono ai macedoni che non frequentarono i ristornati assiduamente portando il gruppo in possesso della licenza a dover chiudere per bancarotta tutti i punti vendita su suolo macedone.

Pubblicità

Montenegro

Non ci sono spiegazioni unanimi che diano un motivo per cui McDonald's non sia presente in Montenegro. Il Telegraph parla di gruppi locali che hanno ostacolato la comparsa del brand in questo Stato, ma il Presidente aveva subito smentito, ed anzi si augurava di vedere il panino più famoso al mondo servito nel proprio Stato.

Islanda

Il popolo islandese ha dovuto affrontare una profonda crisi economica, oltre che a chiudere numerose aziende, proprio per questa crisi vi è stata una fuga di capitali importanti, anche di multinazionali. Tra queste aziende che scapparono dall'isola troviamo anche McDonald's.

Corea del Nord

L'assenza di McDonald's nella Nord Corea è facilmente intuibile, La catena di panini è il simbolo dell'espressione del capitalismo nella sua forma più pura, quindi vietatissimo nella Corea del Nord [VIDEO].

Giamaica

Dal 2005 una profonda crisi ha colpito i punti vendita sull'isola caraibica, i motivi economici non sono ancora resi noti ma sicuramente c'è stato un calo di investimenti da parte del brand unito a un giudizio negativo dei giamaicani sul cibo offerto.

Pubblicità

Bolivia

La catena americana ha lasciato lo stato boliviano nel 2002, il cibo non era apprezzato, ancora meno le condizioni di lavoro nei punti vendita, così venne invitato a lasciare lo stato, lo stesso Presidente dichiarava: "McDonald non è interessato alla salute degli esseri umani, solo al guadagno e profitto delle #imprese", sarà difficile un ritorno.

Barbados

Sulle isole McDonald's sembra non avere fortuna, anche alle Barbados era stato osteggiato da un mercato interno molto agguerrito. Chiuse l'unico punto vendita nel 1996 senza mai fare più ritorno.