Pubblicità
Pubblicità

Episodi come la distruzione avvenuta per mano talebana nel marzo 2001 dei Buddha nella valle di Bamiyan in Afghanistan; l’attacco alle Twin Towers dello stesso anno; l’assalto avvenuto il 7 gennaio 2015 alla sede parigina del settimanale satirico francese Charlie Hebdo, sono solo alcuni degli avvenimenti che hanno segnato la guerra dichiarata alle immagini dall'Isis [VIDEO]. Non è inverosimile ipotizzare che quella messa in atto dai terroristi islamici è una nuova fase di quella che in tedesco va sotto il nome di Bildersturm (alla lettera, «tempesta sulle immagini»), insomma, una nuova ondata iconoclasta.

Dobbiamo chiederci: l’obiettivo dei terroristi è davvero quello di distruggere le immagini?

Nel 2004 un italiano, Fabrizio Quattrocchi, fu rapito e ucciso in Iraq.

Pubblicità

La sua fu una delle prime esecuzioni a cui i terroristi ci hanno abituato. La classica pratica della trasformazione dei corpi dei nemici in trofei viene convertita – attraverso queste dinamiche sanguinarie – in qualcosa di diverso: non vengono mostrati cadaveri come immagini di morte, ma si uccidono delle persone per poterle utilizzare come immagini.

Nel 2014, vennero brutalmente sgozzati tre ostaggi: James Foley, Steven Sotloff e David Cawthorne Haines. Nel video del primo assassinio, si preannuncia il secondo e così via. Il macabro susseguirsi di questi appuntamenti tende a far scivolare il pubblico all’interno di una spirale di orrore. Davanti a queste immagini si prende atto, ci si indigna e si inorridisce. Oltre alla condanna, il sentimento più diffuso è l’indignazione. C’è da chiedersi: la censura è davvero una risoluzione del problema? Secondo alcuni, mettere in mostra queste atrocità è un modo per riscattarne l’orrore.

Pubblicità

L’invisibilità le condannerebbe al silenzio. Il merito di Perseo non fu, infatti, quello di tagliare la testa di Medusa ma quello di superare le proprie paure e guardare il riflesso nello scudo. L’orrore è sempre fonte di impotenza, le immagini riflesse offrono la possibilità, a colui che sa guardarle, di conoscere. Dare visibilità alle atroci immagini delle decapitazioni, implica un ampliamento dell’orizzonte del nostro sguardo, è un passo necessario per iniziare a far luce sul terrore contemporaneo.

Il #terrorismo è davvero iconoclasta? Era questa la domanda di partenza. Possiamo provare ad avanzare l’ipotesi che esso sia – essenzialmente – iconofilo? L'obiettivo è, infatti, quello di produrre immagini forti. Esse diventano, così, delle vere e proprie icone del terrore. Dopo decenni di critica della mimesis, della rappresentazione, come possiamo dire che queste brutali immagini di tortura non sono reali? Siamo nuovamente pronti – dopo secoli di critica delle immagini – ad accettarle come indiscutibilmente vere. Il fondamentalista non pratica l’iconoclastia, al contrario, il suo intento è quello di rafforzare la fede nell’immagine, il suo obiettivo è quello di rinforzare la seduzione iconofila. #attentati #Isis