Pubblicità
Pubblicità
2

I capelli costituiscono spesso il biglietto da visita di una persona: quante volte, guardando qualcuno, invidiamo, amiamo o critichiamo la sua pettinatura, il suo colore o il suo taglio? Ogni parrucchiere che si rispetti avrà spesso sentito la classica domanda: "Mi fai i capelli come quel personaggio televisivo?" oppure, recentemente, viene mostrata direttamente la foto trovata su internet, indicando il taglio e colore preciso. Sono moltissime le persone che si lamentano perché li vorrebbero più fini, più grossi, più o meno lunghi, con una tonalità differente da quella originale e molto spesso diventa un vero problema presentarsi ad un appuntamento, ad un colloquio o ad una semplice uscita a causa della pettinatura che non è mai come vorremmo.

Pubblicità

Il lavaggio dei capelli

Ci sono moltissime opinioni spesso discordanti su quante volte alla settimana e come lavare i capelli: c'è chi afferma che farlo tutti i giorni fa male e favorisce la caduta, chi invece sostiene che non ha nessun effetto, se non quello di renderli lucenti e sempre in ordine. Ma qual è la verità? Farlo tutti i giorni fa male, indebolisce la cute e si danneggiano a causa degli ingredienti all'interno dello shampoo. Uscire con i capelli sporchi non è assolutamente piacevole, sia per un fattore estetico sia perché, dopo qualche giorno, il prurito cutaneo diventa eccessivo, ma dopo un mese il sebo inizia a stabilizzarsi e il capello risulta più forte e lucente. Come fare per evitare il fastidio? Pettinare con calma i capelli con una spazzola (e non pettine!) per parecchio tempo.

Pubblicità

Ma se è vero che facendo passare più tempo il capello si rinforza è pur vero che lo smog, la polvere e l'inquinamento lo sporcano notevolmente e spesso può sembrare non lavato già dopo poche ore. Come fare quindi? Nel caso in cui si decidesse di lavarli tutti i giorni, bisognerebbe prendere determinate precauzioni: prima di tutto, utilizzare shampoo, balsamo, crema o qualsiasi prodotto a base di estratti naturali che aiutano il rigenerarsi del cuoio capelluto. Una volta bagnati, bisogna versare nella mano (e non direttamente sulla testa) una quantità minore di una noce, mescolarla bene, bagnarla ripetutamente e poi adattarla al capello. Infine bisognerebbe ridurre l'utilizzo delle tinte solamente quando è necessario e fare la stessa cosa per la piastra che indebolisce il capello ad ogni passata.

In conclusione, si può affermare che ognuno di noi deve trovare la giusta frequenza, osservando le reazioni del cuoio capelluto, e capire quanto può sopportare l'idea di andare a dormire con i capelli non lavati e, sopratutto, il livello di stress che sta attraversando la propria chioma. E' molto meglio restare qualche giorno con il capello non pulito, piuttosto che ricorrere a rimedi drastici successivamente. #tagli capelli #Bellezza #Moda