Pubblicità
Pubblicità

Lunedì 6 novembre 2017 la FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana) ha pubblicato, come ogni settimana, la lista dei dischi d'oro e di platino vinti dagli artisti italiani: anche questa volta sono state tantissime le certificazioni assegnate ai rapper [VIDEO]dello stivale, come ormai avviene regolarmente da mesi, in modo particolare da quando vengono inseriti nel conteggio ufficiale anche gli ascolti realizzati sulle piattaforme di streaming.

'Stavo pensando a te' è singolo di platino

Tra i tanti trionfatori della settimana c'è anche #fabri fibra, vincitore del singolo di platino per il brano '#stavo pensando a te', pezzo prodotto da Big Fish, presente nell'ultimo album del rapper marchigiano; una traccia che è letteralmente entrata nel cuore del pubblico italiano, anche al di fuori del bacino d'utenza strettamente legato al panorama hip hop, come testimoniato dalle oltre dieci milioni di visualizzazioni totalizzate al momento dal videoclip ufficiale della canzone.

Pubblicità

Il brano, romantico, intenso e per certi versi enigmatico, è stato interpretato da fans e ascoltatori attraverso diverse chiavi di lettura, sin dal giorno della pubblicazione, il 7 aprile 2017.

Il significato del testo

Effettivamente ad un primo ascolto il pezzo potrebbe sembrare per certi versi criptico, dato che nella canzone – il cui testo potrebbe risultare ad un ascoltatore distratto come un semplice racconto di un'avventura amorosa – Fabri Fibra alterna due frasi dal #significato apparentemente opposto, ovvero 'Non avremmo mai dovuto lasciarci' e 'Non avremmo mai dovuto incontrarci'.

La contraddizione però è, come suddetto, solo apparente, dato che il testo dell'autore di 'Fenomeno' non è da intendere come un semplice storytelling, ma come un susseguirsi di immagini il cui scopo è quello di voler dare importanza al sentimento del ricordo di qualsiasi esperienza passata, indipendentemente dal fatto che rievochi emozioni piacevoli o meno.

Pubblicità

Fabri Fibra [VIDEO] aveva avuto modo di puntualizzare il concetto in un'intervista rilasciata qualche mese fa al noto portale Sto Magazine, che quotidianamente segue le cronache della musica urban italiana ed internazionale, queste le sue parole: 'La cosa più emotiva per un essere umano è il ricordo. [..] Più cresci, più ricordi hai, più soffri. Allora mi sono detto che questo pezzo doveva essere dedicato al sentimento che si prova quando si ricorda qualcosa che non può più tornare, bello o brutto che sia."