Pubblicità
Pubblicità

Mamma Billa [VIDEO] e la vostra intera #famiglia si trova riunita a tavola per una cena, tutti insieme. Ad un certo punto i vostri genitori vi annunciano che hanno appena deciso di creare un gruppo #Whatsapp. Voi, da figli, pensate che sia arrivata la fine: una carrellata di buongiorni e buonenotti a cui dovrete necessariamente rispondere. Pensate che da quel momento in poi vostra madre manderà quelle fantastiche (e per nulla di cattivo gusto) immagini col cane Mugsy che tiene la tazza di caffè e ci augura il buongiornissimo. Ma quando sembra che stia per arrivare il momento fatidico, notate con immenso stupore -e un po’ di sollievo- tutto ciò non accade!

C’è stata qualche falla nello spazio-tempo? Vi state sognando tutto? Fortunatamente la spiegazione è più semplice! Abbiamo avuto il piacere di intervistare la diretta interessata della vicenda, cioè mamma Billa.

Pubblicità

Salve mamma Billa, abbiamo sentito che lei, nonostante la sua età, non mandi le tipiche immagini dei suoi coetanei. Come mai lei ci riesce e gli altri no?

Semplicemente perché so che se voglio dare il buongiorno a una persona, posso semplicemente scrivergli “buongiorno” oppure chiamarlo. Trovo quelle immagini proprio di cattivo gusto. Penso inoltre che non mi faccio trascinare da queste “mode” e faccia le mie scelte sempre riflettendoci su.

Ma quindi lei non saluta tutti la mattina? Non pensa di poter essere accusata di essere una persona falsa?

Non penso proprio perché penso che sia inutile dare a tutti i miei contatti il buongiorno [VIDEO]. Ci sono persone con cui ho certi tipi di rapporti e penso che sia più giusto salutare solamente quelli più stretti. Inoltre non sono un’amante dei messaggi, preferisco incontrare i miei amici di persona, magari per prendere un caffè assieme.

Pubblicità

Mamma Billa, cosa hanno pensato i suoi figli di lei quando hanno visto che era diversa dalle altre?

Ho visto che erano incredibilmente sorpresi quando, nel gruppo della nostra famiglia, non ho postato immagini di quel genere. Per un attimo hanno pensato che qualcosa fosse andato storto, che forse era il gruppo sbagliato, ma quando ho spiegato loro come la penso a riguardo, si sono sollevati.

Mamma Billa ci dà una grande lezione: per essere gentili con qualcuno e dimostrare il nostro affetto non è necessario mandare immagini (dal gusto più o meno discutibile) o anche mandare un messaggio, ma ci si potrebbe semplicemente incontrare di persona e condividere una bella chiacchierata, magari davanti ad un caffè!