Pubblicità
Pubblicità

La dieta alcalina da parte di alcuni non è vista nel migliore dei modi, e anche Wikipedia si pone in maniera contraria nei confronti di questo regime alimentare. Sull'enciclopedia più famosa del web è riportato chiaramente che non ci sono basi scientifiche su cui confermare l'efficacia di questo modo di cibarsi. Al contrario pare invece che ci siano numerosi sostenitori che confermano la validità e l'efficacia della dieta alcalina. Ma non solo, oltre agli studi esistono anche molte testimonianze che si possono trovare all'interno del libro Miracolo del PH Alcalino scritto da Robert Young e sua moglie Shelley Young.

Dieta alcalina, le basi

Innanzi tutto spieghiamo nel modo più semplice possibile su cosa si basa la dieta alcalina.

Pubblicità

Il dottor Young spiega che il nostro corpo possiede un PH di 7,4 e il che significa che il nostro organismo è alcalino ovvero ricco di ossigeno. Il #Benessere del nostro corpo dunque consiste nel mantenere il PH stabile o addirittura innalzarlo ad un numero superiore a 7,4.

Come possiamo mantenere i livelli di PH alto? La risposta del dottor Young è molto semplice, mangiando verdura e frutta crudi ad ogni pasto. Cibandosi di frutta e verdura crudi l'ossigeno, l'acqua, le vitamine e tutti i minerali contenuti rimangono invariati e danno beneficio al nostro corpo. Quando cuciniamo i cibi, anche la verdura, questi diventano acidi.

Quindi tutte le proprietà, sostanze e ossigeno vengono meno. Tutto questo fa riferimento al tema dell'equilibrio acido-basico del nostro corpo che in questi ultimi tempi, più che mai, sta riscontrando sempre più interessati.

Pubblicità

Non è ancora confermato il fatto che questo regime alimentare abbia degli effetti curativi su malattie e patologie gravi ma può sicuramente aiutare il corpo a sentirsi meglio.

L'importanza della frutta e della verdura

Alcuni postulati del dottor Young possono effettivamente lasciare molti perplessi ed increduli, ma credo che di tutte le cose bisogna cercare di prendere il meglio. La base su cui si fonda la dieta alcalina è il consumo abbondante di frutta e verdura crudi. Ogni dieta possibile immaginabile consiglia almeno 5 porzioni al giorno di frutta e verdura, come minimo. Anche la Fondazione Umberto Veronesi tenta di educare le persone e comunicare l'importanza del consumo di frutta e verdura come metodo per proteggere e rinforzare il corpo. Chiunque consuma frutta e verdura in modo regolare si prende cura della sua salute in maniera più efficace di chi non lo fa. Ma questa è una storia già sentita molte volte.

Il risvolto interessante che espone la dieta alcalina è l'importanza degli ortaggi e dei frutti crudi.

Pubblicità

Ovviamente un essere umano non può cibarsi solamente di frutta e verdura cruda, sarebbe una follia perchè il corpo ha anche bisogno di altre sostanze, ma è interessante tener conto dell'equilibrio acido-alcalino che ci danno i cibi che introduciamo nel nostro corpo. Il dottor Young spiega che se mangiamo una certa quantità di cibo acido, come ad esempio carne, formaggio e cibi cotti è necessario, nello stesso pasto, introdurre una quantità superiore rispetto a quella acida di cibo alcalino così da compensare l'organismo.

Le critiche

Tantissimi giudicano questa nuova visione [VIDEO] dell'#alimentazione come 'folle', effettivamente in alcuni punti è pressochè estrema ma, ripeto, è utile prendere il meglio dalle idee altrui, in questo caso, il consumo più abbondante di verdura e frutta crudi. Alcuni dicono che all'interno del libro 'Il miracolo del PH alcalino' viene descritto il divieto di utilizzare riso, pasta, farine e carne. Chiunque avesse letto il libro saprebbe con certezza che non è vero. Si consiglia invece il consumo minore di carne e alimenti grassi e conservati e si consiglia l'utilizzo di farine integrali e di riso integrale invece di farine e cereali raffinati, ma anche questa un'altra storia già sentita e che tutti ormai conoscono molto bene.

Siamo acidi, diventiamo alcalini

Secondo Young, le cause che provocano acidosi all'interno del nostro organismo sono molte come ad esempio l'insufficiente apporto di cibi e nutrienti alcalinizzanti come appunto la verdura e la frutta cruda. L'eccesso di alimenti acidificanti come la carne, i formaggi e i salumi, lo stress, la vita sedentaria, la nicotina e l'alcol, l'insufficiente apporto di liquidi. Anche i medicinali e i farmaci incrementano di gran lunga la quantità di acido all'interno del nostro organismo. Il nostro corpo essendo alcalino ha bisogno di cibi alcalini perchè rimanga sano e abbia la forza di combattere da solo le malattie più comuni evitando così di prendere troppi medicinali anche quando questi non servono. Anche questo tutto sommato non è niente di nuovo. Fare esercizio fisico, non essere troppo sedentari, non fumare e non bere diciamo che sono nozioni che ogni nutrizionista espone con tranquillità. La novità dunque dov'è? Sicuramente l'importanza di consumare i cibi così come la natura li ha consegnati all'uomo, per quello che è possibile evitare di cuocere ovviamente.

I possibili benefici della dieta alcalina

Il corpo umano, essendo alcalino, si sforza in tutti i modi di mantenere il giusto equilibro all'interno dell'organismo. Anche la medicina convenzionale concorda sul fatto che l'equilibrio del PH nel flusso sanguigno è l'equilibrio biochimico più importante del corpo umano. Per questo il nostro corpo per funzionare bene ha bisogno di carburante alcalino. Il cancro ad esempio non viene perché una cellula 'impazzisce' come dicono molti, il corpo umano è una macchina perfetta che non ammette sbagli, anzi, cerca di risolvere ogni problema in tutti i modi possibili. In questo caso, racconta Young, le cellule cancerose sono semplici cellule che si sono trasformate a causa di un ambiente troppo acido.

Quindi più acidi abbiamo ed introduciamo nel nostro corpo più possibilità abbiamo di ammalarci. Secondo Young, le cellule sane del corpo prosperano e vivono in serenità ad un PH da 7,3 a 11 mentre le cellule cancerose prosperano in un ambiente di PH pari a 5,5. Le cellule cancerose però possono morire e diventare inattive con un PH dal 7,4 all'8,5. Queste affermazioni possono scuotere tante opinioni diverse, è comprensibile. La scienza sta ancora andando avanti a studiare e a scoprire come funziona il corpo umano e queste teorie non sono state ancora confermate. Una cosa però va considerata, può essere uno spunto utile sul quale riflettere, e perchè no magari iniziare ad aggiungere una bella insalata ad ogni pasto e un bel frutto ad ogni spuntino. Per chiunque avesse voglia esistono modi molto semplici per misurare il proprio PH corporeo. Per concludere non resta altro che dire, più informazione e più libero pensiero.