Nell’autunno Inverno 2016/2017 ne stiamo vedendo delle belle. Ebbene si, dopo il ritorno delle luccicanti paillettes, abbiamo un introduzione del tutto innovativa con delle pellicce sfolgoranti, stravaganti e colorate. Dimentichiamo le classiche pellicce che indossava la nostra amata nonna e prepariamoci ad indossare pellicce a zig zag oppure con sfumature degradè, che di sicuro non passeranno inosservate. Questa tendenza è stata avviata dalle passerelle dell’autunno inverno 2016/2017, dove si vedono partecipare i migliori stilisti e i migliori grafici. Che cosa ne dite? Riusciremo ad affrontare un inverno nella maniera più colorata e possibile? Vediamo insieme cosa ci aspetta.

Pubblicità
Pubblicità

Le varie scelte delle pellicce nella passerella autunno inverno 2016/2017

Le pellicce presentate ne sono state davvero tante e dai colori e dalle forme più stravaganti. Iniziamo con una pelliccia a pelo lungo dotata di vari colori e firmata Rodarte per poi arrivare ad una pelliccia con base classica e cappotto leopardato della casa di #Moda Mary Katrantzou. Antonio Marras propone una pelliccia animalier con colori in tonalità pastello a differenza della pelliccia di Salvatore Ferragamo, la cui particolarità è la forma a Zig Zag con tonalità nel senape. Derek Lam propone dei motivi geometrici in tonalità chiare con alternarsi di grigio e nero. Non passano inosservate le pellicce fur di Blumarine e Marco de Vincenzo, dove la prima si presenta con una lunghezza ampia e colori scuri mentre la seconda colori acquatici e tropicali.

Pubblicità

Occhi puntati su Versace e sulla pelliccia Fendi

Gli occhi sono stati decisamente puntati, come ci si aspettava, sulle grandi case di moda #versace e #fendi, che con il loro look stravagante e colorato, di sicuro hanno attirato l’attenzione. La pelliccia con la firma senza tempo di Versace si ritrova con delle macchie colorate in stile astratto mentre Fendi propone un mini dress con onde colorate nel prugna e l’alternarsi del colore classico nero. E a voi? Quale hanno colpito di più?