Il Governo già dallo scorso anno sta lavorando sul nuovo #sussidio (REI) per combattere la povertà tra le famiglie italiane. Il nuovo piano di "emergenza" sarà caratterizzato da un reddito di inclusione che affiancherà già quello esistente della carta acquisti, meglio conosciuta come social Card (riservata agli over 65 e ai minori di 3 anni). A differenza di questa, il RIA sarà disponibile per tutte le persone che si troveranno in un "forte disagio", ma per averne diritto bisognerà prestare attenzione ad alcuni punti fondamentali sotto elencati.

Con la nuova legge delega che dovrebbe essere varata entro la fine di maggio ed entrare in vigore per fine estate, il #Governo dovrà assicurare a tutti i cittadini italiani una vita dignitosa, rafforzare l'ordinamento dei servizi sociali e aiutare in particolar modo le famiglie con figli disabili o invalidi.

Pubblicità
Pubblicità

Vediamo insieme chi può fare domanda e come richiedere il "bonus".

Reddito d'inclusione: come si calcola e come richiedere il bonus

Il Ministro Poletti subito dopo l'approvazione del Senato ha affermato che grazie alla maggior disponibilità di risorse (circa 1 miliardo e mezzo di euro), il numero di persone che beneficeranno del bonus previsto sarà di oltre le 400 mila famiglie, arrivando quasi a 2 milioni di persone. Il sussidio adesso sarà di circa 480 euro al mese anziché 400 euro com'era stato stabilito all'inizio e verranno estesi anche i requisiti di accesso. Il calcolo degli importi verranno effettuati oltre che sul componente reddituale dell'ISEE ( che dovrà essere al di sotto dei 6000 euro) anche sui redditi disponibili tenendo conto degli affitti percepiti o proprietà immobiliari dai valori non troppo elevati.

Pubblicità

Chi può fare domanda per il reddito d'inclusione?

Secondo quanto affermato, il nuovo #reddito d'inclusione funzionerà come una sorta di reddito di cittadinanza per le famiglie in gravi difficoltà economiche. Per ottenere il bonus e i requisiti, bisognerà attendere l'emanazione del decreto ma molto probabilmente le caratteristiche saranno simili a quelli della carta acquisti. Tra le condizioni bisogna ricordare la presenza di minori, disoccupati, un basso ISEE o figli con disabilità. I cittadini per qualsiasi informazione possono recarsi presso un centro Caf nelle loro vicinanze.

Per tutte le altre news e informazioni continuate a seguirci cliccando il tasto in basso a destra "segui".