Pubblicità
Pubblicità

Una recente relazione emessa da BNP Paribas ha affermato che l'economia dell'Egitto è sulla strada giusta per il recupero e le ultime riforme approvate la renderanno l'economia più grande del Nord Africa. La banca ha partecipato a un meeting per gli investitori della durata di tre giorni al Cairo per riesaminare la situazione economica del paese. L'#egitto si è riunito con più di 20 rappresentanti del governo, rappresentanti della Banca centrale d'Egitto (CBE), delle banche locali, multinazionali e nazionali, accademici, imprenditori e analisti politici.La banca ha dichiarato che il viaggio ha dato una valutazione positiva sull'economia egiziana, mentre ha evidenziato la sfida chiave della competitività a medio termine.

Pubblicità

Di seguito sono riportati le loro riflessioni su determinati temi.

Liquidità FX

Il mercato FX è sempre più liquido e la flottazione EGP è stata un successo. Il saldo dei pagamenti (BIP) sta migliorando rapidamente e anche il rimpatrio d'oltremare sta andando avanti.

Tutti gli ordini sono stati eliminati e il mercato interbancario USD sta crescendo. Gli obiettivi del FMI in termini di riserve internazionali nette (NIR) sono state sovraperformate.

La nostra interpretazione delle dichiarazioni del CBE è che il meccanismo di rimpatrio può essere chiaramente considerato come uno strumento monetario chiave.

Al momento, riteniamo che il meccanismo di rimpatrio porta a muovere il tasso di scambio attraverso l'accumulazione delle riserve attraverso l'inflazione diventando così la pietra angolare della politica monetaria della CBE.

Pubblicità

Ciò conferma la nostra opinione secondo cui i recenti aumenti dei tassi di interesse avevano due obiettivi principali:

i) aumentare l'attrattiva dei beni #egiziani

ii) soddisfare i requisiti del FMI.

Il ruolo del tasso di interesse come strumento per combattere l'inflazione è piuttosto limitato. Sono state studiate diverse possibilità per quanto riguarda l'evoluzione del meccanismo di rimpatrio.

C'è un consenso relativo che il GEP apprenderà nel 2018. A medio termine, tuttavia, ci aspettiamo un graduale ammortamento per preservare la competitività estera dell'Egitto.

Le esportazioni potrebbero aumentare notevolmente grazie ad investimenti stranieri.

L'attuale stabilità dei punti EGP può essere parzialmente legata al comportamento prudente di grandi società locali che attendono il ciclo di semplificazione dei tassi di interesse per iniziare a riinvestimenti.

Attività economica

La domanda dei consumatori è stata fortemente influenzata dall'inflazione arruffata, ma le spese per il cibo rimangono relativamente resilienti.

Pubblicità

I consumatori sono diventati più sensibili ai prezzi e tendono a ridurre le spese non essenziali o scambiare i loro cestini.

Dal punto di vista strutturale, i principali potenziali attori dell'economia egiziana sono:

i) il settore delle costruzioni legato all'urbanizzazione in aumento (guidata da una rapida crescita della popolazione)

ii) la produzione a bassa tecnologia

iii) il settore agricolo.

Per quanto riguarda la capacità di esportazione, il deprezzamento del EGP aumenterà le esportazioni nel 2018-2019, ma la rapida espansione del settore delle esportazioni sarebbe limitata dalla crescente dimensione del mercato locale.

Inflazione CPI

L'inflazione dell'indice dei prezzi al consumo (CPI) ha raggiunto probabilmente un picco nel Q3 del 2017. Un ulteriore aumento dei prezzi potrebbe avvenire all'inizio / metà del 2018, con un nuovo ciclo di aumenti dei prezzi dell'energia.

L'obiettivo del CBE è quello di ridurre l'inflazione CPI a singole cifre nel medio termine. L'inflazione ha avuto il maggior impatto sulle famiglie di reddito medio e alto.

Le famiglie a basso reddito sono particolarmente esposte a i costi alimentari e di trasporto, ma beneficiano di sovvenzioni per un'ampia gamma di prodotti, in particolare prodotti alimentari.

L'inflazione annuale dell'Egitto ha continuato la sua traiettoria in discesa in ottobre in quanto i prezzi dei prodotti alimentari sono stati raffreddati per il secondo mese di fila. L'inflazione annua annua urbana è scesa al 31,6% nel settembre del 2017, passando dal 31,9% di agosto. L'inflazione mensile si è stabilizzata all'1% a settembre, rispetto all'1,1% del mese precedente, mentre la variazione mensile dell'inflazione alimentare è rallentata dello 0,4% a partire dal gennaio 2016. #egizi