Pubblicità
Pubblicità

L'anno 2018 inizia con varie conferme, soprattutto relativamente alle varie agevolazioni previste per famiglie in difficoltà, studenti, neo papà e nonni e non solo. La Legge di Bilancio 2018 rivolge ancora una volta la propria attenzione ai soggetti ritenuti più bisognosi o a coloro che risultano in difficoltà di fronte alle necessità quotidiane. In questo articolo analizzeremo insieme i presupposti/requisiti, i destinatari e le modalità di presentazione della domanda per l'ottenimento dei vari bonus previsti per l'anno corrente.

Quali i bonus 2018?

Il primo tra i tanti bonus [VIDEO] che analizzeremo, seguito subito dagli altri, è il cosiddetto:

  • bonus mamme domani: tale agevolazione potrà essere richiesta da tutte le mamme in stato di attesa, verificato tramite idoneo certificato medico. Nessun limite reddituale da rispettare, la domanda, infatti, potrà essere inviata anche da coloro che non si trovino in difficoltà economica o in stato di disoccupazione. La somma destinata a ciascuna madre sarà pari ad 800 euro, erogata direttamente dall'Inps, in un'unica soluzione, sul conto bancario indicato dalla gestante. Domanda che potrà essere presentata a partire dall'ottavo mese di gravidanza, presso Caf/Patronati. La suddetta misura è rivolta anche ai genitori che decidano per un affidamento o di adottare un bambino/a;
  • bonus neo - papà: nel tempo si è cercato, per quanto possibile, di equiparare la posizione del neo - papà con la neo - mamma. Il periodo di assenza dal lavoro retribuito è stato innalzato da quattro/cinque mesi, più uno facoltativo. Al momento risulta interessato solo l'ambito lavorativo privato, con possibili interventi estensivi anche per il settore pubblico;
  • bonus baby sitting e contributo economico nido: tale agevolazione si rivolge alle mamme lavoratrici che decidono di recedere dal permesso parentale facoltativo, inserendosi così, a pieno titolo, in servizio. Questa decisione prevederà dei benefici economici per i genitori: [VIDEO] cifre mensili fino ad un max di ben 600 euro, per dipendenti o iscritte alla gestione separata. Gli importi variano o diminuiscono nel caso di donne che svolgano un lavoro autonomo o imprenditoriale;
  • bonus nido: in questo caso, fate attenzione, non è richiesto alcun limite di reddito, concretizzandosi in un contributo finanziario di sei mesi, per la durata di ben tre anni. Saranno erogati benefici economici anche per soggetti affetti da gravi patologie, bisognosi di cure domiciliari;
  • reddito d'inclusione (REI) fino a 485 euro mensili: il reddito d'inclusione viene definito quale strumento di sostegno per tutte le famiglie in difficoltà, disoccupati ultra 55ennni, donne in stato di gravidanza e disabili. La data di presentazione della domanda era il 1 dicembre 2017, con successive presentazioni libere (senza limiti temporali) rispetto alla data iniziale. Fondamentale la documentazione Isee, attestante la reale situazione economica del richiedente. le somme variano a seconda dei componenti familiari, in cifre da 187,50 a 485,41 al mese. La richiesta del REI va presentata al comune di residenza, muniti di necessaria attestazione Isee, richiedibile presso il CAF/PATRONATO di fiducia;
  • detrazioni bus e metrò: tantissimi gli studenti, figli o familiari costretti a a spostarsi per raggiungere scuole, lavoro o altre sedi per mezzo di bus ecc. Da quest'anno sarà possibile far rientrare in detrazione relativamente alla dichiarazione dei redditi le spese riguardanti tale profilo. Lo sgravio potrà raggiungere anche cifre di circa 250 euro;
  • bonus sostegno natalità: in questo caso lo Stato decide di aiutare tutte le famiglie in difficoltà che risultano lontane dal possedere i criteri o elementi fondamentali per ottenere la concessione di un prestito. Le somme da richiedere, arrivano ad un max di 10.000 euro, con enti autorizzati;
  • bonus 18enni: il suddetto bonus, al momento non ha riportato il successo sperato, meno della metà dei studenti o neo 18enni hanno aderito alla cifra di 500 euro da spendere in "cultura": libri, cinema, teatro , musica ecc. Tutti gli studenti aderenti riceveranno, somme da erogare e gestire per mezzo di un apposita app: 18app. E' possibile consultare il sito: www.18app.it.

Come presentare domanda?

La domanda potrà essere presentata, ad eccezione di alcuni bonus, dove non si prevedono limiti reddituali prestabiliti (es.: bonus mamma domani), da tutti coloro che possiedono specifici valori reddituali.

Pubblicità

Tutti i bonus possono essere attivati recandosi presso enti appositi ossia CAF/PATRONATI, i quali forniscono assistenza diretta ai cittadini. Per qualsiasi ulteriore info o aggiornamento è possibile cliccare sul tasto "SEGUI", in alto vicino al nome dell'autrice. #bonusfamiglie #bonusdisoccupati #bonusnonni