Secondo un report delle Nazioni Unite, l’Unione europea rischia di perdere un significativo numero della popolazione durante i prossimi anni se non aumenta i livelli di immigrazione. Le proiezioni dell’#ONU sostengono che la popolazione europea si ridurrà da 742 milioni a 739 milioni entro il 2030. Per il 2050, il continente avrà circa 716 milioni di abitanti e per il 2100 circa 653 milioni. Una tendenza diversa dal resto del mondo, dove la popolazione è in aumento. Attualmente, il pianeta ha circa 7,5 miliardi di abitanti, una cifra che aumenterà a 8,5 miliardi entro il 2030 e 9,8 miliardi entro il 2050. Secondo l’Onu, per il 2100 saremo 11,2 miliardi di persone.

Pubblicità
Pubblicità

Questa tendenza mondiale alla crescita si concentrerà in un numero ridotto di Paesi dell’Asia e l’Africa. Il continente africano sarà quello con la più grande espansione demografica.

Tra il 2010 e il 2015, gli Stati europei hanno avuto un saldo migratori negativo: circa 100mila persone sono andati a vivere in India, Bangladesh, Cina, Pakistan, Filippine e Spagna. I calcoli delle Nazioni Unite si basano sulla continuità in termini generali dei flussi migratori, secondo ha spiegato John Wilmoth, direttore di Popolazione del Dipartimento di Affari economici e sociali dell’Onu. #immigrazione #europa