Tornano i bonus cultura. Ancora una volta, ci ritroviamo di fronte ad incentivi e strumenti di sostegno economico/finanziario, che ovviamente non possono eliminare l'attuale crisi economica ma riescono comunque a ridimensionare e ridurre costi ed eventuali spese in particolari campi, in questo caso cultura ed istruzione, e per specifici destinatari (in questo caso gli studenti). Per ogni figlio diciottenne sarà previsto il cosiddetto bonus-cultura pari a 500 euro, altrimenti definito come "aiuto allo studio". Tra gli svariati bonus predeterminati ed attuati dal Governo italiano, questa volta al centro del mirino ci sono i diciottenni: l'obiettivo chiave del benefit è quello di arricchire il bagaglio culturale di ciascun giovane, con iniziative capaci di stimolare l'attenzione e la curiosità di ogni diciottenne.

Pubblicità
Pubblicità

Quanti hanno aderito a 18app.?

Dati statistici non riportano i risultati sperati in merito all'utilizzazione del bonus cultura di 500 euro. Su più di 572 mila giovani, solo 230 mila hanno aderito al progetto. Una larga fetta di diciottenni, ha ritenuto di non ottenere tale benefit. In pratica, meno della metà dei possibili beneficiari ha usufruito di un bonus pari a ben 500 euro. Al momento, i fondi messi a disposizione dal Governo italiano, risultano stanziati ma non effettivamente utilizzati dai nostri giovani studenti.

Che cos'è il bonus cultura?

Analizzeremo ora il contenuto del suddetto bonus. Il Presidente del Consiglio dei Ministri, insieme al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e del Ministro dell'Economie e delle Finanze promuovono il bonus cultura, rivolta a giovani diciottenni.

Pubblicità

Il bonus cultura, si sostanza, in una carta elettronica sulla quale sarà riportato l'intero importo, rilasciata a ciascun beneficiario per l'acquisto di: libri, ebook, biglietti per concerti, spettacoli teatrali, cinema, danza, biglietti per l'accesso a musei e parchi naturali. Precisamente, tale sussidio economico è diretto a tutti i giovani nati nell'anno 1998, ampliandosi a partire da gennaio 2017, anche per i soggetti nati nell'anno 1999. Previste varie novità per gli acquisti, da parte di coloro che compiono diciotto anni nell'anno corrente. Sarà possibile usare la rispettiva carta elettronica per comperare:

  • musica registrata;
  • corsi di musica;
  • corsi di teatro;
  • corsi di lingua inglese.

Quali i requisiti e tempistiche da rispettare?

Possono richiedere ed ottenere tale agevolazione, tutti i residenti diciottenni in Italia o giovani stranieri in possesso di regolare permesso di soggiorno. I giovani nati nell'anno 1999, dovranno presentare domanda entro il 30 giugno dell'anno 2018 e il rispettivo bonus di 500 euro sarà spendibile entro il 31 dicembre dello stesso anno.

Pubblicità

Come richiedere il bonus cultura di 500 euro?

Per ottenere il bonus cultura, bisognerà attivare uno specifico iter. Ciascun soggetto dovrà essere in possesso delle credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), messo a disposizione dai canali telematici della Pubblica Amministrazione. Per ottenere tali credenziali, basterà recarsi in uno dei seguenti luoghi:

  • Poste Italiane: richiesta di SPID in modo del tutto gratuito, collegandosi al sito ufficiale di Poste Italiane, successivamente, bisognerà rivolgersi in uno dei tanti uffici postali presenti sul territorio, al fine di concludere la procedura iniziata;
  • TIM: collegandosi al sito www.nuvolastore.it, dando luogo a registrazione telematica;
  • InfoCert: la registrazione anche in questo caso, avviene online, per il suo completamento bisognerà recarsi personalmente presso un InfoCert;
  • Sielte: collegandosi a questo sito e in possesso di una web-cam, potreste effettuare l'intera procedura gratuitamente ed online.

Una volta in possesso dello SPID, basterà semplicemente scaricare l'applicazione #18app., che vi permetterà così, di acquistare presso tutti i negozi convenzionati. #500euro #culturagiovani