Il Presidente del Consiglio, #Matteo Renzi, ha avviato quest'oggi la campagna per il referendum d'autunno sulla riforma costituzionale. Dal palco del teatro Niccolini di Firenze, il premier ha annunciato 'una campagna casa per casa, porta per porta, perchè ho bisogno di voi - ha confessato l'ex sindaco del capoluogo fiorentino. 

'Se non vinco vado a casa', è la consueta promessa di Matteo Renzi che, però, si affretta subito a ribadire come 'noi vinceremo il referendum' anche se, più importante della vittoria, è il coinvolgimento degli italiani, soprattutto perchè in base all'esito di questa sfida dipende il futuro delle nostre istituzioni.

Pubblicità
Pubblicità

Ultime news scuola, 2 maggio: Renzi 'Assunti centomila insegnanti, anche se abbiamo sbagliato qualcosa'

Il discorso del Presidente del Consiglio, dal palco del teatro Niccolini, non poteva esimersi dal toccare anche un argomento particolarmente scottante in questi giorni come quello riguardante la #Scuola. In proposito, Matteo Renzi ha sottolineato come mai nessun governo, prima d'ora, aveva investito così tanto. 'Se poi abbiamo sbagliato qualcosa - afferma il premier - resta comunque il fatto che abbiamo assunto centomila insegnanti. Quando vediamo gli scioperi, ci rendiamo conto che tanta gente è contro di noi, è normale, però abbiamo fatto centomila assunzioni'. 

Matteo Renzi duramente contestato a Firenze: 'Buffone', 'Pinocchio' e 'Vergogna'

In merito alle polemiche e alle feroci contestazioni che anche la 'Sua Firenze' gli ha puntualmente riservato, il capo del governo ha ironizzato dando il 'benvenuto anche a loro'.

Pubblicità

Poi, sul fatto di non aver visto il leader del Movimento di lotta per la casa a Firenze, Lorenzo Bargellini, il premier ha dichiarato che 'Forse si è svegliato tardi...'

C'è da sottolineare come, ancora una volta, il Presidente del Consiglio sia stato duramente contestato da una rappresentanza di risparmiatori 'vittime del salva banche'. Diversi gli slogan oltre agli immancabili 'Buffone', 'Onestà' e 'Vergogna': sui cartelli dei manifestanti si sono lette frasi come 'Meglio un nemico davanti che tu amico dietro' e 'Meglio un morto in casa che un Renzi sulla porta'.    #Politica Firenze