Mancano pochi giorni all’inaugurazione del primo salone del libro #madeinFlorence. Firenze Libro Aperto, questo il titolo dell’iniziativa, dedicata all’editoria ed ai suoi protagonisti, si svolgerà da venerdì 17 febbraio al Padiglione Spadolini della Fortezza da Basso. Il festival è nato dall’idea di Paolo Cammilli, direttore generale di FBS eventi.

Presentazioni, incontri con autori, laboratori, concerti e mostre animeranno il fine settimana fiorentino, una fotografia della complessa storia dell’editoria che manca dagli anni 30.

Non bisogna dimenticare che il capoluogo toscano ha visto nascere le più famose ed importanti case editrici dalla fine dell’Ottocento fino ai primi anni del Novecento. Firenze è stata la patria di edizioni come Bemporad e Vallecchi. Nel 1924 a Porta Romana nella sede dell’istituto d’arte si tenne la prima fiera del libro.

Oggi nel 2017, a distanza di quasi un secolo, molte le realtà editoriali, piccole ma tenaci, gioielli preziosi con piccoli tesori editoriali che meritano le luci della ribalta.

Mission Firenze Libro Aperto

Gli organizzatori hanno sottolineato con particolare cura, oggi durante la presentazione della kermesse in Consiglio Regionale, che Firenze Libro Aperto non sarà solo un salone del libro, ma un festival, un momento di incontro e di confronto tra generazioni diverse con un unico fil rouge: l’amore per la lettura, per i libri siano essi cartacei o virtuali.

“Le parole non bastano più” è il tema di uno degli incontri che si svolgeranno all’interno di Firenze Libro Aperto. Un’occasione per analizzare e riflettere non solo su come la società moderna stia cambiando ma anche su come lo stesso linguaggio sia sempre ed in continua evoluzione. Social Network, globalizzazione, continui mutamenti sociali questi e molti altri i punti che verranno affrontati.

Programma Firenze Libro Aperto

Fino al 19 febbraio nel padiglione Spadolini saranno riunite in un unico gigantesco open space 150 case editrici e nuove realtà che parteciperanno alcune con uno stand altre con i loro autori più famosi.

Giunti, Olschki, Einuadi, Marcos y Marcos, Mandragora, Polistampa, Franco Maria Ricci, Sillabe, Franco Cosimo Panini e molti altri saranno presenti con uno stand.

Altri grandi gruppi come per esempio Mondadori sarà presente con i loro autori, Mauro Corona e Federica Bosco. Feltrinelli sarà rappresentata da Alice Basso e Pietro Grossi.

Ospite molto attesa dai fans Alessia Gazzola per Longanesi, conosciuta grazie ai suoi romanzi in cui narra la storia di Alice Allevi.

Molti gli ospiti di rilievo dal texano Joe R. Landsale a Diego De Silva, Gianni Biondillo a Carlo Lucarelli, Andrea De Carlo ed Marco Vichi.

Interessante anche la lista degli ospiti provenienti dal mondo dello spettacolo, da Vinicio Capossela a Morgan da Dolce Nera a Serena Danindini e Ginevra di Marco per finire con Paolo Hendel e David Riondino.

La tre giorni ha ottenuto il patrocinio della Regione Toscana, del Comune di Firenze e della Città Metropolitana di Firenze. #salonedellibro #fortezzadabasso #Cultura Firenze