Un incendio è scoppiato improvvisamente in un appartamento al secondo piano di un edificio, a Casella (Genova). Erano le 3 e in casa c'erano padre, madre e figlio di 8 anni. Le fiamme hanno terrorizzato la coppia di genitori che, senza remore, ha lanciato il figlioletto dalla finestra; poi si sono gettati nel vuoto anche loro. La paura del fuoco è stata troppo forte. Ora il piccolo è in condizioni disperate. E' in gravi condizioni anche il padre. La donna, invece, ha riportato lesioni meno gravi perché l'impatto con il suolo è stato attenuato dai fili per stendere i panni. Secondo le prime indiscrezioni, il piccolo di Casella ha riportato gravi lesioni.

Le fiamme hanno fatto crollare la palazzina

Drammatico episodio nell'entroterra di Genova nelle ultime ore.

Pubblicità
Pubblicità

Una famiglia si è svegliata di soprassalto a causa di un incendio scoppiato nella sua abitazione e, subito, ha preso una decisione estrema per salvarsi. Sembra che la donna, dopo aver visto le fiamme propagarsi nella sua casa, avesse chiamato i vigili del fuoco, invitandoli ad accorrere subito. Quando i pompieri sono arrivati, però, i tre si erano già lanciati. Non finisce qui. Il pauroso incendio ha provocato il cedimento dell'edificio di due piani con un bar al piano terra. Lo stabile è crollato poco dopo l'arrivo dei pompieri che, fortunatamente, sono riusciti a salvarsi distanziandosi dal luogo pericoloso. Un episodio improvviso e doloroso. Secondo le ultime informazioni, padre e figlio sono in coma all'ospedale San Martino, dove i medici hanno riscontrato loro numerose fratture e lesioni.

Pubblicità

La donna, invece, sarebbe rimasta solamente ustionata. Attualmente è ricoverata al Villa Scassi di Sampierdarena.

Vigili del fuoco e Protezione civile sul luogo dell'incendio

Tanta gente davanti al palazzo di Casella dove, alle 3 di questa mattina, è scoppiato un incendio. Accorsi immediatamente i vigili del fuoco del reparto di Busalla e quelli della centrale di Genova. Presenti anche numerosi volontari della Protezione civile. Per entrare nell'edificio pieno di fiamme e fumo, i pompieri hanno usato apparecchi autoprotettori. L'edificio è stato praticamente devastato dalle fiamme che, nel giro di pochi minuti, si sono propagate al pianterreno e al tetto. Non si conosce attualmente la causa dell'incendio. Non si è esclude che alla base della tragedia ci sia un guasto dell'impianto di riscaldamento. In questi giorni, in Liguria fa molto freddo quindi è probabile che la famiglia di Casella abbia attivato la caldaia per riscaldarsi. #Cronaca Genova