Il 2014 è ormai pienamente inoltrato e come ogni anno i mesi di gennaio e febbraio si caricano di particolari significati dal punti di vista della fiscalità e degli investimenti: la pubblicazione del modello per la dichiarazione annuale IVA ha ufficialmente aperto la stagione dichiarativa mentre l’aggiornamento operato da #poste italiane consente di avere un quadro completo su caratteristiche e rendimenti dei #Buoni fruttiferi postali 2014. Facciamo il punto su rendimento, durata, interessi e calcolo, confrontando poi gli stessi Buoni fruttiferi postali 2014 con i migliori conti deposito aggiornati al mese di febbraio.

Buoni fruttiferi postali 2014: rendimento, durata, interessi e calcolo

Sul portale online di Poste Italiane è già disponibile l’elenco dei Buoni fruttiferi postali aggiornato al 2014: in questo contesto descriveremo brevemente le caratteristiche dei principali Buoni fruttiferi postali emessi per il 2014, richiamandovi al già citato sito di Poste Italiane per avere un quadro ancora più completo. Ecco dunque una summa delle principali caratteristiche riferite alle prime quattro tipologie di Buoni fruttiferi postali 2014:



  • BFPRisparmiNuovi: durata massima triennale, tasso nominale lordo annuale allo 0,5% per 1° e 2° anno e dello 0% per l'ultimo;



  • BFPEuropa: durata massima 4 anni, rendimento fisso garantito del 2,02%;



  • BFPRenditalia: tasso variabile pari al rendimento medio ponderato dei BOT con scadenza 6 mesi;



  • BFPDiciottomesi: rendimento dello 0,25% al primo semestre, dello 0,37% al secondo, dello 0,58% al terzo.

Come già accennato, sul sito di Poste Italiane potete trovare l’elenco completo con le relative caratteristiche. Per quel che concerne calcolo e rendimenti assicurati dai Buoni fruttiferi postali 2014 potete utilizzare l’apposito strumento messo a disposizione da Poste Italiane sempre sul proprio sito; vi sarà sufficiente compilare i vari campi (tutte informazioni relative al vostro buono e delle quali siete sicuramente in possesso) e cliccare sul tasto ‘calcola’.



Volendo poi dare uno sguardo ai Buoni fruttiferi postali ordinari 2014, abbiamo invece un rendimento che varia dallo 0,25% del 1° anno al 4,75% garantito alla fine degli ultimi tre anni di durata del buono. Nel mezzo rendimenti variabili nel tempo: 1% al 3° anno, 2% al 5°, 3% alla fine dell’8°, 9° e 10°, 4% dopo il 13° e 14° anno.

Buoni fruttiferi postali 2014: confronto con i conti deposito

Un altro strumento di investimento molto apprezzato dagli italiani è costituito dai conti deposito, e nonostante la crisi economica in piedi ormai da alcuni anni in molti non rinunciano a farvi ricorso. Ecco i migliori aggiornati al mese di febbraio 2014:



  • ContoSuIBL di IBL Banca: l’offerta si ramifica in due tipologie: Libero o Vincolato. ContoSuIBL Libero garantisce un rendimento lordo del 2,00% fino al 31/03/2014 per nuove attivazioni effettuate entro il 28/02/2014 sulle somme fino a € 1.000.000; ContoSuIBL Vincolato è un conto di deposito che offre invece un tasso lordo del 3,00% per somme vincolate a 12 e 18 mesi e del 3,25% per somme vincolate a 24 mesi. Non ci nono costi di apertura, gestione, canone mensile, chiusura e imposta di bollo.



  • Conto deposito CheBanca!: è in promozione fino al 26 febbraio 2014. Per tutta la durata della promozione offre i seguenti rendimenti: con vincolo a 3 mesi rendimento lordo annuo dell’1,20%, con vincolo a 6 mesi rendimento lordo annuo dell’1,70%, con vincolo a 12 mesi rendimento lordo annuo del 2%.



  • CashPark di Fineco: l’offerta si ramifica in due tipologie: Save e Open. La tipologia Save offre fino al 2% lordo annuo con un vincolo a 12 mesi, mentre quella Open propone un rendimento lordo annuo dello 0,25%. CashPark Open è disponibile solo sui conti aperti dal 19/03/2012.