Il gruppo Società Iniziative Autostradali e Servizi (SIAS) ha concluso con successo il lancio di un prestito obbligazionario da 500 milioni di euro. Il nuovo bond, collocato presso investitori istituzionali, è senior secured, cioè garantito direttamente dal patrimonio della società e ha una durata di dieci anni.

La nuova emissione obbligazionaria di SIAS rientra nel Programma di Euro Medium Term Notes approvato nel 2010 e sarà presto quotata alla Borsa dell’Irlanda dove verrà trattata per importi minimi di 100.000 euro (Isin XS1032529205). La cedola annuale è fissa, pagabile il 13 febbraio di ogni anno, ed è stata determinata in 3,375% con uno spread di 152 punti sul tasso mid-swap.

Pubblicità
Pubblicità

A fronte di un prezzo di collocamento di 99,446, l'obbligazione SIAS rende il 3,44% lordo a scadenza (13 febbraio 2024). Il nuovo bond di SIAS gode di rating "investment grade", cioè non speculativo, pari a BBB- per Standard & Poor's e Baa2 per Moody’s.

L'offerta di SIAS è stata accolta da investitori istituzionali per oltre 4 miliardi di euro, ben otto volte l’importo di emissione. La grande richiesta ha permesso alla società, quotata a Piazza Affari, di ridurre il credit spread a 152 bp rispetto alla 160-165 punti iniziali. L’obbligazione in euro è stata sottoscritta principalmente da investitori stranieri che hanno rappresentato circa l’83% del totale (in particolare tedeschi, britannici, francesi e austriaci).

L'operazione di vendita dell’obbligazione è stata condotta da un pool di banche internazionali guidate da Barclays, Banca IMI, BBVA, BNP Paribas, JP Morgan, Mediobanca, Nomura, Banco Santander, Morgan Stanley e Unicredit.

Pubblicità

SIAS utilizzerà i fondi raccolti per erogare ad alcune società operanti nel settore delle autostrade finanziamenti che saranno utilizzati per investimenti autostradali il cui ammontare è di 1,6 miliardi. Saranno anche rimborsati anticipatamente alcuni finanziamenti bancari.